Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

lunedì 4 giugno 2012

La fine di un capitolo.

Cari colleghi di Sigonella,
Come la maggior parte di voi sapra' mi sono dimesso dalla carica di Coordinatore UILTUCS della base. Saprete anche che da mesi il Direttivo e' stato sotto il costante attacco della Segreteria Provinciale. Hanno cominciato con le critiche su cio' che si diceva ai lavoratori, su cio' che si programmava, sulle scelte strategiche e sul programma che ci eravamo dati da seguire con gli obiettivi da raggiungere, "smettetela di parlare di Ministeri e di Governo" ci e' stato detto. "Voi non siete nessuno, comanda il Segretario Provinciale, decido io...". Queste erano le frasi che usavano ultimamente per intimorirci e toglierci quel minimo di autonomia che ha fatto crescere la UILTUCS in qualita' e quantità, cosa che e' stata sotto gli occhi di tutti. Sono arrivati a nominare rappresentanti sindacali senza mettermi a conoscenza di queste decisioni. Mi dicevano che non ero un uomo di federazione. Io ho sempre pensato di rappresentare 350 lavoratori, pensavo che il sindacato si facesse cosi'.
Insomma uno stillicidio continuo di delegittimazioni e di menzogne usate per attaccare la nostra credibilità. 

Non voglio adesso sembrare quello che cerca di giustificare un fallimento accusando gli altri. Non mi interessa e non e' mio costume. Uscendomene da questa struttura maleodorante io guadagno di nuovo la mia vita privata e la mia famiglia. In questo senso non ho nessuna remora. 
Cio' che mi puo' veramente ferire e' se ho deluso Voi. Questa e' la cosa che veramente potrebbe addolorarmi, perche' per voi, assieme ai splendidi collaboratori che ho avuto (tranne chi ha tradito l'amicizia e il Direttivo), mi sono battuto per ristabilire rispetto e regole, sentendomi veramente il portavoce di voi tutti, e l'ho fatto senza cedere a compromessi o eventuali accordi che avrebbero potuto farmi sentire certo e sicuro del presunto privilegio di restare sempre Coordinatore. Non vi ho mai tradito e non ho mai ceduto di un millimetro per affermare il vostro rispetto. Infatti ho sempre pensato che l'attacco al Direttivo era una attacco a Voi iscritti. Delegittimando Noi, delegittimavano Voi, ecco perche' reagivo così' duramente.
Quando una struttura sindacale distrugge un Direttivo che la rappresenta, un Direttivo che in tre anni cresce da 140 iscritti a 350, crescendo anche in qualita', migliorando le strategie, riuscendo a ristabilire il rispetto dei lavoratori nella base e nel coordinamento nazionale, vuol dire che l'obiettivo di quel sindacato non e' più l'interesse dei LavoratoriQuesti sindacati non rappresentano piu' nessuno, sono fuori dal tempo e dalla reale problematica del mondo del lavoro.

Voglio ribadire che non vi e' stato a Sigonella un Direttivo che ha fatto tante assemblee generali e di reparto, Che ha fatto tanta informazione, cosa di cui eravamo criticati ("tutte queste e-mail,,,perche'.. smettetela..."), che avuto tanto rispetto da un Capitano della Base, che ha avuto tanta visibilita nel Coordinamento nazionale, che ha raggiunto tanti iscritti come UILTUCS, e che ha avuto tanta vicinanza da parte degli iscritti stessi con evidenti manifestazioni di affetto e fiducia.

Non voglio rischiare un'autocelebrazione, lascio al tempo dire cosa e chi siamo stati, quello che voglio fare adesso e' ringraziare tutti Voi per la fiducia e la vicinanza che ci avete dimostrato nelle ultime settimane, e' stata cosi' totale e cosi' immediata che ci ha commosso e ripagato di tre anni di sacrifici.
Non e' stato un fallimento. Noi del Direttivo, e quindi Voi, abbiamo vinto. Abbiamo dimostrato che si puo' fare sindacato in modo diverso. Abbiamo indicato una strada, con onesta' e impegno, senza sporcarci con compromessi e lusinghe, e qualcosa e' cambiata grazie a noi, lo vedrete nel tempo.
Hanno perso loro, questo vecchiume di intenti e di strategie, questo inutile immobilismo autoritario e arrogante. Hanno perso perche' non vogliono e non sono capaci di cambiare. Lasceremo un vuoto di iscritti su cui i "presunti" nuovi rappresentanti sindacali si getteranno con avidita', promettendovi mari e monti pur di avere le vostre deleghe, denigrando probabilmente anche quello che e' stato questo Direttivo.

Ma io, voi lo sapete, ho sempre pensato che gli iscritti non sono dei deficienti (differentemente da altri) e so di certo che saprete cosa chiedere, e saprete soprattutto dire loro che tipo di sindacato volete e se sono in grado di rappresentare prima Voi e non la struttura sindacale.
Per quanto mi riguarda cerchero' altre realta', la CISL e la UIL non sono le uniche forme aggregative di questo Paese.

Vi abbraccio tutti con immenso affetto, e grazie ancora per la vostra vicinanza e la fiducia che ci avete dimostrato. Chissa' forse sentirete ancora parlare di questo gruppo che con tanto onore vi ha rappresentato.

Rosario Pellegrino

4 commenti:

  1. Saro,
    per me e' stato un vero onore lavorare con te e per te.... e comunque e sia, qualcosa mi dice che non e' ancora finita qui!

    RispondiElimina
  2. Rosario,
    anche per me e' stato un vero onore lavorare con te. Il nostro gruppo ha portato una ventata d'aria nuova a Sigonella. Sono sicura che quell'aria.....spirerà ancora, in base, per il benessere dei lavoratori.

    RispondiElimina
  3. io sono orgoglioso di aver fatto parte di questo gruppo(esclusi talpe zombie ed altro).

    RispondiElimina
  4. Saro,
    anche se e' durato poco il mio impegno come rappresentante sindacale, sono fiero e contento di aver lavorato insieme a te e a tutto il direttivo (esclusi, bravo Max, talpe e quant'altro). Ma la tenacia, la forza di voler andare avanti non puo' essere fermata, anch'io come Saverio avverto che qualcosa sta cambiando! Un saluto a tutti gli amici!
    Francesco Marino

    RispondiElimina