Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

giovedì 14 giugno 2012

LIBU LIBU LIBU

Voci su voci si rincorrono, si sovrappongono, si confondono: abbiamo ricevuto decine di email da tutte le Basi d'Italia ed ascoltato parecchi domande da chi ci incrocia. In molti chiedono: Ma cos'e' questa LIBU? Da chi e' formata? Come ci si iscrive?
Iniziamo col dire che la LIBU NON e' un sindacato e NON e' nata per sostituirsi al sindacato nelle trattative col datore di lavoro. Alla LIBU NON ci si iscrive, essa e' costituita da chiunque ne voglia semplicemente far parte, basta decidere di farlo. E' gratis. Il rimanere o meno associati ad una sigla sindacale, per noi non fa alcuna differenza. Alla LIBU non ha importanza chi sei o a chi sei affiliato, per noi conta solo cosa vuoi fare e quanto ti vuoi impegnare per la categoria. 
La LIBU trova origine a Sigonella, dal direttivo "scalzato" (in quanto forzato alle dimissioni) da una segreteria territoriale UILTuCS, insensibile alle richieste che arrivavano palesi dalla gran maggioranza degli iscritti locali (si vede che possono fare a meno delle deleghe). Da un certo punto di vista dobbiamo essere grati a questa segreteria, senza la quale non avremmo mai avuto il coraggio di far saltare il tavolo per ricominciare da capo. Grazie a costoro, abbiamo davvero capito con "cosa" avevamo a che fare e da cosa ci dovevamo al piu' presto allontanare. Grazie ancora! 
Il "direttivo" e' comunque storia vecchia: la LIBU e' adesso un collettivo di lavoratori da tutte le Basi USA in Italia, che condividono, in modo paritetico, oneri e onori. Se vuoi collaborare anche tu con noi, scrivi a libuliberi@gmail.com.
La LIBU non vuole contrattare col datore di lavoro (non ha gli strumenti giuridici per farlo), essa si propone invece come pungolo per FORZARE chi di dovere a fare il proprio lavoro di rappresentanza. Il sindacato siamo TUTTI NOI e, dunque, TUTTI NOI dobbiamo capire che le organizzazioni sindacali hanno il DOVERE di esprimere la nostra volonta', non viceversa. Questo e' il motivo per cui le rappresentanze dei lavoratori sono nate: non certo per fare gite, cene ed ottenere favori! Non c'e' democrazia senza controllo: noi della LIBU (e in questo "noi", vorremmo considerare anche te) veglieremo affinche' la nostra categoria non venga piu' dimenticata, abbandonata a se stessa, come spesso e' successo in questi anni.
Ma la LIBU non si ferma alla denuncia fine a se stessa, noi oggi abbiamo tutti i mezzi necessari per far conoscere al datore di lavoro le opinioni della categoria, senza dover passare dal filtro sindacale. in altre parole, pur non potendo noi trattare in prima persona, possiamo comunque comunicare, far sapere cosa vogliamo. Lo strumento piu' forte che abbiamo e' anche quello piu' semplice e piu' democratico: la raccolta di firme.


Nell'immediato futuro, La LIBU si propone ben tre iniziative popolari (petizioni), in tutte la Basi USA in Italia:

Prima iniziativa:
Chiederemo al datore di lavoro ed alle OOSS la modifica dell'articolo 8 del nostro contratto di lavoro (COE), che obbliga il lavoratore a continuare a versare la quota associativa al sindacato fino alla fine dell'anno solare, anche quando decide di non farne piu' parte: molti contratti di lavoro limitano il pagamento fino alla fine del mese successivo, cosi' dovrebbe essere anche per il nostro. La quota mensile e' la "linfa" delle organizzazioni sindacali; e' un affidamento piu' che un regalo ed e' giusto che sia il lavoratore a deciderne l'uso: quando concederla, quando ritirarla.

Seconda iniziativa:
Chiederemo al datore di lavoro ed alle OOSS la trasformazione della rappresentanza da RSA a RSU: L'RSA viene nominato dalla segreteria territoriale, la quale pone e dispone a piacimento di questa figura, senza essere formalmente obbligata ad ascoltare le opinioni dei lavoratori, degli iscritti, degli altri RSA e neppure del coordinatore. Parliamo di un'autocrazia vera e propria che (come spiegato nella prima iniziativa) non puo' neppure essere influenzata piu' di tanto dall'iscritto, in quanto quest'ultimo e' limitato nella facolta' di rimettere la delega. L'RSU viene invece eletto a suffragio universale (quindi da tutti i lavoratori iscritti e non) e diventa rappresentante istituzionale per il confronto ed il dialogo con la controparte. la rappresentanza tramite RSU riduce di gran lunga il potere delle segreterie, perche' l'RSU non puo' essere rimosso se non dai lavoratori stessi.

Terza iniziativa:
Chiederemo al datore di lavoro ed alle OOSS di stralciare, cancellare la proposta di modifica del COE che prevede il pagamento della quota mensile al sindacato, sia per gli iscritti che per i non iscritti. Avete capito bene: si vuole obbligare i NON iscritti a pagare comunque il sindacato!! Nel caso vi fosse l'RSU (come spiegato nella seconda iniziativa), ossia una figura eletta da TUTTI i lavoratori, chiedere che questi finanzino la rappresentanza potrebbe (forse) avere un senso ma, nel caso di un'autarchia come quella degli RSA, obbligare i lavoratori a pagare comunque il sindacato (facendo cosi' decadere la prima iniziativa) senza avere neppure la facolta' di scegliere il proprio rappresentante, trasformerebbe il segretario territoriale in una sorta di "imperatore", al quale basterebbero solo 20 iscritti per continuare ad operare con tranquillita', senza alcun consenso da parte dei lavoratori. Anzi, sarebbero i lavoratori stessi a dover "elemosinare" attenzioni a chi non deve piu' nulla a nessuno.


La LIBU si propone di raccogliere parecchie firme sui temi sopra esposti che, lo diciamo senza paura di smentite, trovano tra i lavoratori un consenso unanime o quasi. E' giusto che datore di lavoro e OOSS sappiano come la pensiamo ed agiscano di conseguenza.

Ci rendiamo conto che la nostra forma aggregativa e' quanto mai nuova, innovativa. Ci rendiamo conto che puo' confondere chi era abituato ad una rappresentanza statica, tradizionale, a volte utile nelle piccole controversie, ma spesso inadeguate quando si parla di grandi progetti, quando si parla del nostro futuro. La LIBU e' l'inizio di qualcosa che potrebbe diventare importante, attraverso la collaborazione paritetica di tutti i lavoratori di buona volonta'.

Siamo sotto attacco continuo: abbiamo contro minacciosi detrattori che vedono in noi un pericolo per la loro autorita' costituita e mai messa fin ora in discussione. Noi pero' li conosciamo bene, anzi BENISSIMO... e non ci fanno di certo paura! Girano anche voci secondo cui vi sarebbero liste nere, denunce, querele, iscrizioni a fantomatiche nuove organizzazoni sindacali... tutto questo e' ASSOLUTAMENTE FALSO, tutto costruito.
La LIBU e' quello che e' visibile a TUTTI sul nostro blog, in chiaro, nero su bianco; ne' piu', e sicuramente non meno.

Partecipa anche tu!

62 commenti:

  1. a proposito della quota mensile di iscrizione al sindacato,ho fatto una ricerca e' non ho trovato nessuna legge che obbliga il lavoratore a continuare a pagare anche dopo la disdetta sino alla fine dell'anno solare piuttosto ho scoperto che si puo' diffidare il datore di lavoro dal continuare a pagare: pena accusa di appropriazione indebita perche il lavoratore da il consenso scritto al prelievo e cosi pure lo puo' revocare con effetto immediato.il pagamento sino alla fine dell'anno solare e' stato stabilito dai due sindacati e riportato nell'articolo 8 del contratto di lavoro ma non e ' legge.

    RispondiElimina
  2. @Max
    Hai ragione, non c'è una specifica legge ma, proprio per questo, conta l'articolo del contratto. Secondo il nostro avvocato, nel momento in cui si firma la delega si accetta implicitamente l'articolo del COE, poiché chi firma è cosciente dell'esistenza di questa clausola. La soluzione è far rimuovere questo articolo così come, ne siamo sicuri, vorrebbero la maggioranza dei lavoratori Italiani delle Basi USA.

    RispondiElimina
  3. Alessio 14 giugno 2012

    Ciao a tutti, anch'io sono un nuovo amico del blog LIBU LIBERI.
    Sono felice della creazione di questa piattaforma. Finalmente una "CASA" che possa accogliere tutti i lavoratori liberi e vogliosi di voler cambiare le cose in meglio...sotto ogni punto di vista.
    Ho letto i diversi articoli e vi confesso che sono rimasto colpito negativamente da ciò che ha scritto il "PAESE NORMALE".
    Il malessere provocato da quelle affermazioni mi ha spinto a pormi delle domande alle quali vorrei rendere partecipi tutti voi. Perchè secondo gli abitanti di questo fantomatico "PAESE NORMALE"...

    E' NORMALE AVERE IN BASE UN SINDACATO CHE RAPPRESENTA "MALE" TUTTI I LAVORATORI, INCLUSO I PROPRI ISCRITTI?

    E' NORMALE CHE IN BASE LE SIGLE SINDACALI PRESENTI NON RENDANO CONTO AGLI ISCRITTI, PRIMA CHE ALLA STRUTTURA SINDACALE?

    E' NORMALE CHE IN BASE IL SINDACATO ABBIA TROPPI SEGRETI?

    E' NORMALE CHE IL SINDACATO NON SAPPIA ASCOLTARE?

    E' NORMALE CHE IL SINDACATO DIFENDA I LAVORATORI PER SIMPATIA, AMICIZIA E CONVENIENZA?

    Se per loro questo è "NORMALE", forse ho capito dove si trova il loro "PAESE NORMALE"..............SULLA LUNA!!!!!!!!!!!!!!

    "IN NATURA NON ESISTE NULLA DI COSI' PERFIDO, SELVAGGIO E CRUDELE COME LA GENTE NORMALE."

    Hermann Hesse

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti i simpatizzanti
    Mary Cosentino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary,

      Grazie per come hai gestito il rapporto con i tuoi iscritti durante e dopo la tua appartenenza al direttivo uil.

      Un grazie sempre!!!

      I tuoi colleghi

      Elimina
    2. UN GRAZIE a tutti voi,
      grazie sopratutto a quelli che erano titubanti ad iscriversi nuovamente al sindacato, che mi hanno dato fiducia,che hanno creduto in noi,che hanno capito che ci son persone che ancore credono in un ideale,credono che la buona volonta,la correttezza ,il DIALOGO sia la strada giusta per cambiare ,migliorare ,correggere dove occorre.
      Grazie a tutti quelli che ,fanno si che questa protesta ,fatta da persone semplici e leali, continui.
      Lavoratori che non son piu' disposti ad accettare di sottomettersi ai giochi di potere, a un modo di agire che per troppo tempo e' stato tollerato e subito.
      GRZIE ,GRAZIE ancora una volta per tutti quelli che come me credono che insegnare ai ns figli con i fatti e non con le parole che L'ONESTA, GLI IDEALI ,ripagano sempre e che e' importante guardare in viso le persone senza dover mai abbassare lo sguardo per la vergogna.
      Mary COSENTINO

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viva Scaturchio15 giugno 2012 17:52

      Per te, leggi

      http://it.wikipedia.org/wiki/Rappresentanza_sindacale_unitaria

      Cosi puoi farti i compitini a casa prima di parlare di nuovo !
      E se si deve cambiare il contratto per l'rsu, allora si cambia !! - Ve lo facciamo cambiare noi !!

      LIBU !!!! State messi male a sigonella con sto PAESE NORMALE - ma de che ?

      !FORZA LIBU LIBERI!

      Elimina
    2. Risposta e domanda a Paese Normale:

      Scusa ma tu da quale paese vieni? Parli di disinformazione? Informaci della giusta e normale informazione, per caso è l'informazione filtrata dalle segreterie?

      Grazie, Turi Dalapa

      Elimina
    3. Ragazzi, qualcuno ha notizie di Paese Normale? Mica l'avranno cacciato via i suoi "amici"?

      Elimina
  6. @Paese Normale
    Attendiamo con ansia che qualcuno venga in un'assemblea, con tutti i lavoratori, a spiegare a noi ignorantoni (in mezzo agli altri) il perché e' giusto continuare a pagare le quote sindacali fino alla fine dell'anno solare, il perché e' giusto che il lavoratore NON debba poter scegliere il proprio rappresentante ed il perché sarebbe giusto che anche i non iscritti paghino un'autocrazia sindacale alla quale non credono.
    Siamo qui, vi aspettiamo a braccia aperte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma quannu veni e ni spiechi come a cosa?
      Ti aspettiamo tutti con le braccia aperte e orecchie aperte per essere illuminati.
      Grazie, i ragazzi con la tuta blu.

      Elimina
  7. SI....SI.....LI ASPETTO ANCHE IO!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure. Non vedo l'ora di dargli il mio "caloroso" benvenuto. Specialmente al nuovo coordinatore.

      Elimina
  8. Questa volta mi trovo d’accordo con “Paese Normale”,in effetti eravamo disinformati , ma hanno
    Pensato bene di spiegarci con chi avevamo a che fare, abbiamo capito cosi bene da allontanarci,
    tanto quanto basta a non sentire strani odori.
    p. s.
    Cosa succede, quando si smette di fare sindacato?
    Forse potrebbe capitare, finalmente di ritornare a lavorare.
    Noi lo facciamo già

    RispondiElimina
  9. @CHI NON HA IL CORAGGIO DI ESPORSI E CONTINUA A NASCONDERSI DIETRO IL NOMIGNOLO DI "PAESE NORMALE".

    Ci tacciate di essere disinformati e di non azzeccarne una.
    Ebbene, voi dalla verita' in tasca ,illuminateci! Condividete con noi lavoratori il vostro sapere.
    Spiegate voi la sottile differenza(grande quanto una CASA) tra RSU E RSA. Fatelo però durante l'assemblea dei lavoratori. Spiegate loro perche'non conviene scegliere da chi farsi rappresentare. Secondo noi dovreste spiegare ai lavoratori anche tante altre cose..... Noi saremo là, a guardarvi in faccia e a correggere da "disinformati" le vostre eventuali inesattezze!

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissimo paese normale la favola di cui parli favola non e'...solamente e' stata interpretata male, visto che provi tenerezza per questi poverini patetici come dici tu a breve ti daro' maggiori ragguagli in merito....purtroppo per te ....IO C'ERO.

      Elimina
  11. @Paese Normale
    L'accordo di cui parli e' già allegato al nostro blog (vedi il pannello R.S.U.): la nostra iniziativa non si sostituisce al vostro ruolo ma serve per indurvi a fare quello che la gente vuole o, almeno, rendere chiaro a TUTTI che di quello che pensa la gente a voi non importa proprio un fico secco.
    Per quanto riguarda "eleggere" (hai fatto bene a mettere il termine tra virgolette), almeno in due dei tre reparti da te menzionati di elezioni non c'e' stata neanche l'ombra, in uno di questi non c'e' stata neppure l'assemblea dove poter o meno indire le elezioni!!! Abbiamo già' detto che le bugie hanno le gambe corte... evita, almeno in questo blog.
    Per quanto riguarda poi i congressi, voler giudicare la classe dirigente di un sindacato dagli statuti e' come voler giudicare la classe politica dalla Costituzione.... patetico! Dimentichi che alcuni di noi hanno partecipato ai vostri congressi, sanno come funzionano le cose. Di nuovo... evita, almeno in questo blog.

    PS Sentiamo comunque di dover fare i complimenti per il primo dei successi del "nuovo" coordinatore (vedi, anch'io so usare le virgolette a tempo debito): abbiamo sentito che il Comando non lo ha neppure voluto ricevere... uno dei problemi più ovvi nell'avere il VERO responsabile (il segretario provinciale) che non lavora in Base. Questa storia corrisponde al vero? A questo punto, vi converrebbe dare una vera responsabilità ai vostri "uomini" (di nuovo) in Base oppure far assumere il segretario provinciale a Sigonella (ma che idea assurda.... o no?)

    RispondiElimina
  12. Liberté, Égalité, Fraternité

    "Paese Normale",
    Grazie per averci informato del tuo sforzo nel voler fare i compiti.....ma visto gli scarsi risultati.... ti consiglio di FREQUENTARE UN INTENSO DOPOSCUOLA SERALE!!!!!!!

    PS 1. Possiamo sapere chi sono questi RSA "Eletti", non credo che sia così difficile da indovinare......

    PS 2. A quando una "bella" Riunione Sindacale Generale UIL?
    Visto che il lavoro di facciata del vostro chirurgo estetico è un tantino complicato..., forse, dopo l'estate?

    Dimenticavo, stabilita la data della Riunione, per favore, infomateci dove comprare il biglietto....... dato che avete un così disperato bisogno di soldi e di potere da obbligare anche i non iscritti a versare le tasse (ex quote) sindacali!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Ho sentito che uno degli eletti(?) è il figlio del vero unico padre-padrone della UIL a sigonella. Io spero sono solo voci, ma è vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo dire "eletto" sarrebe del tutto errato considerato il fatto che hanno pensato bene di nominare due Rsa d'ufficio all'insaputa di tutti i lavoratori del reparto e sceglierli con particolare cura in modo tale che nessuno dei lavoratori si veda rappresentato dagli stessi

      Elimina
    2. PER RISPONDERE A:
      Anonimo16 giugno 2012 18:20
      Ho sentito che uno degli eletti(?) è il figlio del vero unico padre-padrone della UIL a sigonella. Io spero sono solo voci, ma è vero?

      Rispondo

      Questo padre-padrone è l'autore della rovina della UIL-Tucs Sigonella, la gente non vedeva l'ora di cancellarsi. Negli uffici, nei reparti tutti dicono la stessa cosa "questo si fa i cazzi suoi". Non so quanto sia vero che si fa i cazzi suoi, ma è sicuro che non poiace a nessuno.

      Giuseppina Bor.

      Elimina
  14. ...scendere in piazza, no? o magari è piu' facile una petizione a disconoscimento di questi "rappresentanti" liberamente eletti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eletta da papà._:)))
      piango dalle risate!!!

      Elimina
  15. L'RSA non è tecnicamente eletto ma nominato dalla segreteria territoriale: discutibile ma non illegittimo. Certo, quando poi leggiamo "Paese Normale" che si traveste da Voltaire parlando di elezioni, statuti, congressi e "casa comune"... viene un po' da ridere!
    Comunque sia, per avere una rappresentanza realmente democratica è necessario cambiare da RSA a RSU: è nostro compito far sapere tutti insieme come la pensiamo per mettere questi signorotti in un angolo e fare loro perdere la faccia davanti alla categoria.

    RispondiElimina
  16. Mi aspettavo da iscritto alla UILTUCS da tanti anni, un profilo più alto di confronto da parte della Segreteria. Invece arrivano puntualmente delle goffe e assurde argomentazioni da questo "Paese normale" che tutti hanno capito chi è e chi ha dietro, tese solo ad offendere il nostro buon senso. Ma queste sono le persone che rappresentano intere categorie di lavoratori? Ma è davvero così? Ma in che razza di realtà vivono questi?
    Ma l'hanno capito che il mondo sta cambiando e la gente adesso chiede solo fatti e competenza? L'hanno capito che stiamo vivendo una realtà che impaurisce tutti e che dobbiamo prepararci ad un futuro incerto e minaccioso. Le mele...le domande...è vero che Ella... Ma stiamo scherzando o cosa? Di cosa stiamo parlando?
    Non ci interessa l'insulto, il fango, gli squallidi tentativi di screditare colui che avete giudicato un nemico. Ci aspettiamo altro da voi.
    Non ci interessa il fango su Saro Pellegrino che ci fa pensare ad uno squallido tentativo di screditarlo perchè non avete argomenti validi per contrastarlo, fate altro, diteci dove ha sbagliato e perchè, diteci perchè le sue idee andavano contro l'interesse di noi lavoratori di Sigonella, spiegate questo, magari noi iscritti potremmo dare ragione a voi. Non limitatevi all'insulto, alla notizia scandalistica (presunta), e al vano tentativo di far passare il messaggio: visto? Anche loro sono poco onesti! Questo non vi metterebbe affatto su un piano migliore, non dimostrerebbe che voi siete migliori. Lo volete capire o no?
    Fate un'assemblea generale e spiegate a tutti noi perchè sta succedendo tutto questo, e qual'è l'alternativa a Saro e il suo gruppo, e qual'è il vostro programma per il futuro di noi lavoratori. Questo vogliamo sentire da voi!!!
    Fatelo se ci tenete davvero alla verità e al confronto, se no tacete e smettetela di infastidirci, non ne possiamo più di tanto squallore!!! Basta!!!

    RispondiElimina
  17. Noi non cediamo alle provocazioni !...compitini da fare a CASA,... non abbimo studiato,...quasi quasi siamo degli ingnorantoni..., che bello abbiamo scoperto come siete fatti!!!

    Caro "Paese normale" che di normale non hai nulla,
    e' semplicemente assurdo e vergognoso il tuo/vostro modo di fare sindacato. Io mi auguro che TUTTI i lavoratori di Sigonella possano aprire gli occhi, tanti lo hanno gia' fatto, e far sentire la propria voce. C'e' il BLOG LIBU che e' nato per dialogare, parlare e dire con franchezza la VERITA'. Per troppi anni la UIL di Sigonella non ha mai comunicato NULLA, tenendoci allo scuro senza mai creare un dialogo con i lavoratori com'e' stato fatto in questi ultimi tre anni.

    Grazie al lavoro fatto dall'ultimo Coordinatore (Saro Pellegrino), da tutto il Direttivo e ora dalla LIBU BLOG (fantastica) sono stati scardinati tutti quei punti fatti di assolutismo e becero individualismo.

    Noi siamo LIBU LIBERI, liberi di parlare e confrontarci con chiunque volesse farlo e questa liberta' non potra' MAI esserci tolta.

    Anch'io spero di essere presto erudito dai "professoroni".

    RispondiElimina
  18. Paese normale? Mmm mai nome fu più sbagliato per rendere l'idea del gruppo di persone che c'è dietro!
    Magari un nome tipo..... "Il paese delle meraviglie" sarebbe meglio, si perché è quel paese dove cose assurde possono essere considerate reali.
    Si reali come ad.esempio le persone oneste.che lo abitano.... ma come abbiamo detto in questo paese tutto e assurdo quindi non è vero.
    Oppure come.persone che non guardano i propri interessi personali..... ma in questo paese tutto e assurdo quindi non è vero.
    O che tutto viene fatto nell'interesse dei lavoratori per questo si nominano i propri figli nei direttivi senza.elezioni o persone mai considerate capaci dai colleghi ma manovrabili dal direttivo tper fare gli interessi certo non dei lavoratori ........ Ma come.dicevo siamo nel paese delle meraviglie e non nel paese normale come dice qualcuno.........

    RispondiElimina
  19. Riccardo cuor di leone19 giugno 2012 08:44

    "Non ti curar di loro ma guarda e passa...."

    RispondiElimina
  20. Caro Riccardo hai ragione ma è il momento di dire basta.
    Basta a sindacati che non si muovono mai nei tempi giusti,tranne che per i loro interessi personali vedi la riforma dei quadri che interessava per la maggior parte molti delle figure del direttivo.
    E noi? Quando dovrebbe essere il nostro turno?
    Forse sarebbe bene essere tutti nei direttivi ?
    Rosario ha cercato di cambiare le regole, e gli hanno subito legato le ali per farlo volare basso, e alla fine gliele hanno tagliate del tutto per non farlo volare visto che poteva rovinare i progetti del padre padrone della Uil .
    Ma certo nella Cisl non è diverso anzi li si respira aria ben più pesante con manovre talmente sottili che i politici più navigati dovrebbero prendere da esempio per i loro giochetti del potere.
    Quindi cosa fare?
    Io dico già questo blog è un inizio facciamogli capire che non ci stiamo più, che vogliamo cambiamenti tangibili e non promesse mai mantenute, vogliamo fatti.
    Ora che si avvicina il rinnovo del contratto diamo voce alle nostre richieste, sennò il loro interesse sarà quello di prendere la quota sindacale di tutti iscritti e non (l'ennesima prova che fanno solo i loro interessi).
    Da quando non otteniamo un aumento dello stipendio adeguato?
    Da quando ad ottobre non prendiamo un adeguato aumento per le indagini salariali?
    Diranno che hanno ottenuto la sistemazione dell'orario dei pompieri, ma parlate con i colleghi del fire dep. Se non era per un gruppo di loro in prima persona a metterci tempo e sacrificio sarebbero ancora a 24 ore però hanno saputo chiedere subito il 5% della somma che prenderann come indennizzo e si parla di molte migliaia di euro circa 30.000€ che finirebbero nelle casse del sindacato, e cosa hanno fatto loro... NIENTE per aiutarli .
    Vi sembra una cosa logica?
    Nessun sindacato ha mai applicato una cosa del genere, ed in nessun testo giuridico o sindacale troverete questa norma, succede solo a Sigonella
    Quindi colleghi pensate bene a chi dare fiducia.
    Alza la testa Sigonella facciamoci sentire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...vedi il comunicato diffuso giorni fa a proposito delle presunte riunioni tenutesi col capitano e all'ufficio del personale civile a favore dei pompieri...ma dico io, e mi rivolgo ai colleghi pompieri se qualcuno di loro legge questo blog, ma non siete stanchi di essere presi ingiro e insultati da questi politicanti? ancora fiorenza, ancora fiscella...ma aprite gli occhi! sbarazzatevi una volta per tutte di questi individui, non avete bisogno di loro...anzi, come dice bene il collega, sono loro che hanno bisogno di voi, e il motivo si e' visto bene:spillarvi soldi! aprite gli occhi!!!

      Elimina
  21. Riccardo cuor di leone19 giugno 2012 15:27

    Tutti, credo, ci siamo accorti ormai che a Sigonella e' morto un certo tipo di sindacato. Il Direttivo UILTUCS "dimissionato", che tanto ha fatto sperare noi iscritti, ha avuto l'ingrato compito di far capire a tutti che nessuno ci rappresentava piu', e con coraggio si sono scontrati con chi voleva, come sempre, il silenzio e hanno resistito fino a quando hanno potuto (noi iscritti ed ex, non dimenticheremo mai quello che hanno fatto).
    E questo segnale, di necessita' di un sindacato moderno e diverso, che loro hanno lanciato e' ormai irreversibile.
    Non si puo' piu' tornare indietro. Non e' piu' possibile.
    Io la vedo cosi'. Quindi penso che "paese normale" debba rassegnarsi ad un confronto piu' civile e piu' consono ad una struttura sindacale (?).
    Dobbiamo ricostruire la Democrazia che ci hanno tolto.
    Discutiamo di questo. Mi piacerebbe leggere il contributo di tutti quelli che entrano in questo BLOG: DEMOCRAZIA, dobbiamo parlare di DEMOCRAZIA, cosa dobbiamo fare per ricostruirla tutti assieme.
    Io ho ancora molti anni di lavoro davanti e vorrei percorrerli assieme a tutti quelli che vogliono vivere, come me, un futuro migliore, libero di "essere", finalmente libero di "vivere", protagonista incontaminato della realta', parte di una comunita' che difende la propria liberta' e quella di tutti.
    Impossibile? Se non ci proviamo non lo sapremo mai.
    Impossibile deve essere per il lupi e gli sciacalli di questa societa' che ci hanno portato lontano dall'"essere" e dal "vivere".
    Noi abbiamo capito. Ma capire non basta piu', adesso bisogna avere il coraggio delle proprie idee e partecipare alla vita.
    Suoniamo le trombe, e' ora di chiamare a raccolta...gli angeli...

    RispondiElimina
  22. Perfetto Riccardo condivido quello che dici.
    Ma una domanda sorge spontanea, si può avere una alternativa a questi così detti sindacati che ci ritroviamo?
    Cioè è realizzabile un terzo sindacato a Sigonella?
    La domanda ovviamente è rivolta a rosario Saverio e a chiunque sia in grado di rispondere.
    Sarebbe bello una nuova sigla indipendente dalla politica (che magari così i segretari non ti cerchino al momento delle elezioni del fratello)magari un sindacato di base con nuove idee e un modo di operare alla pellegrino per intenderci.
    O se non fattibile quale soluzione potremmo adottare?
    Credo che dobbiamo iniziare a parlare di questo lasciamo perdere gli antagonismi col passato come dice Riccardo non ti curar di loro ma guarda e passa.
    Quindi parliamo di cose concrete di cose da realizzare tutti assieme, dai rosario e tutto l'ex direttivo rimbocchiamocitjd maniche speriamo in voi.
    Spero che molti condividano il mio pensiero e spero che molti vogliano riponderd alle mie domande magari anche dalle altre basi e non solo da Sigonella.
    Sigonella alza la testa sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon argomento ben detto, dai ex direttivo voi cosa rispondete?

      Elimina
    2. La strada che conduce all'ingresso di una terza sigla sindacale nelle Basi USA e' lunga e tortuosa. Se nel 2012 le uniche due sigle presenti sul luogo di lavoro sono ancora la UILTuCS e la FISASCAT, non e' certo perché nessuno ha mai provato a far entrare altre organizzazioni prima d'ora!
      Gli ostacoli sono principalmente due: l'impegno immane di questa ipotetica sigla per entrare a rappresentare una categoria relativamente piccola come la nostra (siamo poche migliaia in tutta Italia) e l'accettazione di questa da parte del datore di lavoro (chiarisco questo punto: accettazione di buon grado, non inutile scontro). A tutto questo si aggiunge l'articolo del nostro contratto che indica FISASCAT e UILTuCS come le uniche rappresentanze titolate a trattare col datore di lavoro.
      Sto forse dicendo che nuovi ingressi sono "impossibili"? Certo che no, se la strada e' lunga, l'unica cosa che possiamo fare e' iniziare a camminare. Nel frattempo pero' non ci si può' disperdere, nel frattempo e' necessario aggregarsi in nuove forme... e la LIBU e' una di queste.

      Elimina
    3. Saverio capisco bene quello che vuoi dire, e cioè che mai le due sigle di Sigonella daranno una mano a fare entrare nei loro giochetti una terza (incomoda)sigla sindacale.
      Ma allora raccogliere delle firme da consegnare al nazionale per ottenere un direttivo Rsu invece del nepotistico sistema Rsa?
      Potrebbe essere un alternativa magari raccogliere le firme assieme alla raccolta firme che suggerivate voi per annullare il tentativo di voler far pagare il pizzo al sindacato da tutti iscritti e non
      Seguo con entusiasmo questo blog ma credo che lo dovremmo divulgare di più. Come ? Non saprei magari dei volantini, una mail agli indirizzi dei colleghi della base, un buon passa parola che io sto già facendo.
      Sono molto fiducioso e spero che prenda piede anche nelle altre basi
      Sigonella alza la testa sempre.

      Elimina
    4. Quello che ci impensierisce non sono le due sigle sindacali sul campo (verso cui non nutriamo alcuna fiducia e, dunque, non temiamo): il vero impedimento potrebbe venire da un datore di lavoro il quale potrebbe essere contrario all'ingresso di altre organizzazioni (stiamo solo ipotizzando). Le firme che ci accingiamo a raccogliere serviranno anche a darci visibilità, a far capire che esistiamo e che vogliamo avere voce in capitolo!

      La diffusione del blog, al momento avviene per passaparola: non e' possibile usare le email di lavoro per questo tipo di faccende... ed il volantinaggio non può avvenire dentro i confini delle Basi. Ma non importa.... le statistiche ci dicono che siamo oltre i 3000 contatti in tutta Italia... e i numeri migliorano di giorno in giorno. Aiutaci anche tu con le tue idee per meglio diffondere questo nostro blog. Scrivici alla nostra email privata, mettiamoci in contatto!

      Elimina
    5. A proposito di mail, ma è vero che la uil di catania ha mandato una lettera all'ufficio del personale dove si chiede di punire tutte le persone che mandano mail contro di loro ? Se è vero allora è grave ! Qualcuno cel'a questa lettera ???

      Elimina
    6. @Pino G.
      Siamo anche noi a conoscenza della possibile esistenza di questa lettera ma, non avendola mai vista con i nostri occhi, non possiamo lanciare accuse precise.
      Esistesse sul serio, sperino i signori che questa lettera non venga mai fuori perché, siamo sicuri, l'effetto che avrebbe sui lavoratori sarebbe deflagrante.

      Elimina
  23. Cavaliere della Luce20 giugno 2012 10:26

    Cari amici della Libu, sono un vostro collega e vi scrivo a proposito della scottante tematica del sindacato presso la nostra azienda. Mi complimento con voi innanzitutto per esservi finalmente dimessi dal cosiddetto direttivo, cosa che anzi avreste dovuto fare molto, ma molto tempo prima; quando, solo per citare un esempio, voi, ex direttivo uiltucs, eravate un unico gruppo insieme all'infame fisascat, e insieme a loro, sottostando ai dictat del despota-fiscascat, avete eclissato e manipolato le informazioni che era opportuno dare ai lavoratori durante i tagli di personale dell'anno scorso. Dovevate dimettervi in quel momento, ma non lo avete fatto. La lista segreta e altro ancora, tutte porcherie che avete concordato e accettato a tavolino sotto gli alluci del despota-fiscascat. Che vergogna! come avete fatto a perpetrare un crimine come quello, voi? per primi ledere il diritto fondamentale del lavoratore, ovvero il diritto all'informazione? Oggi vi e' facile ammantarvi di vittimismo e dichiararvi delusi..."costretti alle dimissioni"..."da una segreteria provinciale arrogante che non vi da piu' autonomia"...quale autonomia? Quella di continuare a farvi gli affarucci vostri? E diciamolo una volta per tutte! Chi siete voi? Non siete voi quelli che per anni e anni avete pascolato nei verdi prati del cazzivostrismo sindacale? Cazzivostrismo, ripeto, giacche’ di fatti concreti, vertenze individuali e collettive, non si e’ fatto mai nulla, solo fumo e parole come “ora vediamo”. Intanto bighellonavate nel paese dei balocchi-direttivo: quell’aura di intoccabilita’ con cui guardate il supervisore, voi semidei rappresentanti sindacali, i permessi sindacali per farvi gli affari vostri, trasferte e cene nei migliori ristoranti a spese del sindacato, e cioe' alla faccia degli iscritti che versando la quota mensile vi hanno permesso questo e tanti altri giri di giostra. Avete mai pensato di divulgare un bilancio agli iscritti/contribuenti quando eravati sindacalisti opportunisti? Non siete voi quelli che si sono ingrassati, quelli che avete "sistemato" figli, amici e parenti grazie al reticolo di favoritismo massonico che il sindacato in questa base vi ha dato? State scoprendo solo adesso i diritti del lavoratore? quei diritti che voi per primi avete calpestato facendo si' che i vostri raccomandati mediocri ottenessero quel posto di lavoro da cui altri candidati ben piu' qualificati sono stati esclusi? Li conosciamo bene i vostri figli, i vostri amici e i vostri parenti. Adesso dunque abbiate il coraggio di innanzitutto battervi il petto e dire "si, siamo stati anche noi, i sindacalisti paraculisti che hanno infettato questa azienda e adesso ci siamo pentiti". Da questo punto in poi il cambiamento e' senz'altro motivo di onore e merito...ma non dite che non siete stati come loro, parte di loro, della stessa pasta, di quelli che adesso attaccate...forse intimamente gelosi del fatto che a loro sia rimasta una poltrona e voi siete stati sbalzati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo risponderti a titolo personale: non hai del tutto torto a criticare chi ha comunque fatto parte del "sistema" come me; posso solo dire che abbiamo fatto del nostro meglio per tutelare l'intera categoria e, finche' siamo riusciti ad operare in modo autonomo, qualche "piccolo" successo l'abbiamo anche ottenuto. Molti tuoi colleghi possono testimoniarlo.

      Detto questo pero', fammi aggiungere che sei ingiusto nel voler giudicare il nostro ex-direttivo come una sorta di comitato atto a fare i propri "affarucci"... a quali affarucci ti riferisci?
      Sei forse al corrente dal fatto che qualche membro della ex dirigenza UILTuCS a Sigonella sia stato promosso o abbia fatto entrare parenti/amici, durante questi anni di sindacato? A me non risulta... anzi, per molti di noi all'attività sindacale ha coinciso con la fine della propria carriera!
      Sei forse al corrente di un abuso dei nostri permessi sindacali? Ma non sai che siamo stati invece accusati dell'opposto, di aver restituito ore sindacali in eccesso, proprio perché non usavamo farci le vacanze a spese dei lavoratori?
      Sei forse al corrente di qualche nostro "paraculismo"? Se questa fosse stata la nostra attitudine, ti assicuro che avremmo scelto di prendere strade MOLTO più comode da percorrere!
      Sei forse al corrente di qualche bilancio occulto della nostra organizzazione? Forse non sai che i soldi delle quote non passano dalle mani degli RSA ma vanno direttamente alle segreterie. Tante volte abbiamo chiesto di poter gestire un fondo cassa, ma ci e' stato sempre negato. L'unica cosa che alcuni di noi ricevevano (indietro, dalla segreteria) era un rimborso spese per telefonate, benzina, tempo ecc. Personalmente, durante quasi tutto il periodo in cui sono stato vice-coordinatore, ho preso un rimborso variabile tra i 125 e i 150 euro mensili. Ci sono quasi sempre andato sotto. Ti riferisci forse al bilancio del mio conto corrente? Ti rispondo subito: la quattordicesima mi ha temporaneamente permesso di tornare in positivo.

      Parli della lista dei licenziati: sappi non c'era NESSUNA lista nominale, i nominativi ci vennero rivelati lo stesso giorno della consegna delle lettere, quel famigerato 10 ottobre del 2010... io me lo ricordo bene quel giorno! Prima avevamo solo una lista con le "posizioni" in esubero, senza ben sapere come e dove sarebbero andati a parare... allora avvertimmo tutti i lavoratori a rischio... questa era la cosa più importante da fare. Abbiamo sbagliato? Forse si, non so, forse saremmo dovuti essere ancora più aperti ma, parlare di crimine, e' quantomeno eccessivo.

      Questa LIBU non e' nostra, non l'abbiamo fondata certo per per il piacere di fare i protagonisti o di essere minacciati (come alcuni di noi iniziano ad esserlo): non c'e' nessuna pretesa di dirigere un bel niente ma di aggregare in un collettivo, tutti quei lavoratori che ancora credono si possa e si debba fare molto per ricostruire la nostra categoria.

      Spero che anche tu possa farne parte, come e più di me.... anche perché, in tutta sincerità, io sono molto molto molto stanco.

      Elimina
  24. Cavaliere della Luce20 giugno 2012 10:28

    PARTE II
    Parlare oggi di riforma del sindacato e' utopia, anzi fantascienza. Il sindacato e' gia' morto da un pezzo, e a sigonella e' stato soltanto un giocattolo di cartapesta in mano a pochi. Ma adesso la pacchia sta per finire, e il processo di autoeliminazione del sindacato e' gia' cominciato: despota-fiscascat, che ancora oggi ha accesso in base e continua a partecipare a importanti meeting (immagino col tono arrogante di sempre, compromettendo il buon fine di ogni trattativa) il caro despota-fiscascat ha anche lui i giorni contati. Quando la sua associazione non avra' piu' iscritti e non sara' piu' riconosciuta in base, il caro despota-fiscascat non avra' piu' alcun titolo per continuare a infestarci e infamarci come categoria. Dico despota-fiscascat solo per citare il personaggio piu' vistoso, ma sono, anzi siete, tutti della stessa pasta. Chi di rinascita sindacale volesse parlare, di qualunque forma, confederazione, comitato libero etc. si dovrebbe accertare di un prerequisito essenziale: non aver mai fatto parte di alcun (cosiddetto) direttivo, essere veramente l'UOMO NUOVO! L'uomo riciclato non ci serve, che rimanga nella pattumiera dove ' stato scaraventato.
    Cari ex-direttivo uiltucs, l’iniziativa del blog e’ astrattamente valida, ma non siete voi l’alternativa ai sindacati morenti. Uscite di scena definitivamente e lasciate che sia l’uomo nuovo a guidare il cambiamento. Abbandonate il protagonismo una volta per tutte e fatevi da parte definitivamente. Ci fate piu’ figura.
    p.s. - Spero che l'amministratore approvi e pubblichi questi commenti dando voce a tutti, e non si limiti a pubblicare solo quelli che lodano e incensano. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vedi qui non c'e' alcuna censura: gli unici commenti che decidiamo di non pubblicare sono quelli che recano ingiurie ed offese personali, linguaggio scurrile o esplicita mancanza di rispetto. Sia la LIBU che questo blog appartengono a TUTTI i lavoratori: qui sei il benvenuto ogni volta che vorrai commentare o scrivere un articolo che possa essere utile e costruttivo per l'intera nostra categoria.

      Elimina
    2. nessuno di noi ex direttivo (credo di poter parlare anche a nome dei miei colleghi ex)che possono smentire se non dello stesso parere che:
      le critiche quelle costruttive ci fanno crescere
      il confronto ,quello leale atto a far cambiare in positivo e' sempre ben accetto
      Nessuno crede di esser perfetto ne di non sbagliare mai
      quello che asserisco e' che
      IL NS UNICO INTERESSE e' ed e' sempre stato il lavoratore iscritto o no al sindacato e non
      "IL SISTEMA" come qualcuno sostiene
      Se il sistema non fa piu' gli interessi ,di chi lo ha creato, di chi lo mantiene e, gli permette di vivere ;in questo caso il sistema SI DEVE CAMBIARE
      il sindacato ESISTE X FAR GLI INTERESSI DEI LAVORATORI E' ESPRESSIONE DI QUELLO CHE LORO CHIEDONO
      Mary Cosentino

      Elimina
  25. Caro cavaliere qui non si loda il passato come dici tu, ma la bella iniziativa del blog.
    E poi non si possono paragonare le porcherie dei vari segretari del passato Cisl o Uil con quello che ha fatto il team di rosario.
    Piuttosto che continuare a criticare costruiamo qualcosa di buono insieme, te compreso, quindi proponi non distruggere o farai sempre il gioco del despota come lo chiami tu giustamente
    Spero che accetti questa risposta da uno come te deluso dal sistema.

    RispondiElimina
  26. Non far di tutta un' erba un fascio...20 giugno 2012 17:28

    @Cavaliere della luce,

    Concordo in parte con quello che hai scritto, è vero che in base le due rappresentanze sindacali da oltre un trentennio hanno pensato sempre ai loro affari politico-familiari fregandosene dei lavoratori di Sigonella.
    Ma non puoi colpevolizzare e ritenere collusi anche coloro che con Rosario Pellegrino hanno cercato in soli tre anni di cambiare le cose, infatti, il dimissionamento da parte della Segreteria Provinciale ne è una prova. Certamente avranno commesso degli errori, ma da qui a dire che anche loro fanno parte della stessa pasta ce ne vuole.....lasciamelo dire...
    quindi credo che sia più costruttivo proporre qualcosa di concreto per far si che la nostra categoria di lavoratori si liberi da questo torpore che ormai ci pervade da decenni.
    Fai in modo che "l'uomo nuovo" che c'e' in te si faccia valere, portando alla "luce" consigli veri e non soltanto critiche generiche che non portano a niente. La LIBU (come forse hai tralasciato) ti ha dato la possibilità di poter esprimere la tua opinione cosa che il "Cazzivostrismo Sindacale" non ti ha mai permesso di fare....quindi cogli l'occasione anche tu di costruire il tuo futuro, il nostro futuro in BASE!!!!!!
    La strada sarà in salita ma ci riusciremo!!!!!!

    RispondiElimina
  27. @Cavaliere della luce.

    Rispetto il tuo parere, ma mi sento molto amareggiata per quello che dici. Come ha gia' scritto Saverio, sei ingiusto nei nostri confronti. La cosa che piu' mi addolora e' il fatto che in questi tre anni non hai colto il filo conduttore che accomuna noi del ex direttivo e che ci ha spinto fino a dare le dimissioni in massa.
    E'la lealta' nei confronti dei lavoratori e la voglia di lottare contro le ingiustizie e le sopraffazioni. Posso benissimo farmi da parte, mi sento molto stanca. La mia famiglia mi reclama. E' da 3 anni che metto al primo piano i problemi dei lavoratori. Sai quante volte ho trascurato la mia famiglia, ho preso ore di rol, sempre per essere a disposizione delle persone che rappresentavo. A sentire le tue parole ingiuste,mi chiedo se ho sbagliato tutto, se ho sprecato il mio tempo e penalizzato la mia famiglia inutilmente. Poi penso allo sguardo di chi ci sostiene e approva le nostre scelte e dico a me stessa che ne è valsa la pena!. Scusami per lo sfogo. Ti ricordo solo una cosa. La critica fine a se stessa non porta a niente. Capisco la tua delusione per come vanno le cose, ma invece di criticare, perche' non ti metti in discussione e fai qualcosa anche tu. Lo devi soprattutto a te stesso.

    RispondiElimina
  28. Cavaliere della Luce21 giugno 2012 12:57

    Cari colleghi, forse avete ragione nel percepire le mie critiche come fini e se stesse. Cio' forse a causa del mio tono dettato dalla rabbia che nutro nel vedere la nostra categoria finora rappresentata solo da despoti e relativi seguaci/succubi opportunisti che non hanno fatto altro che inquinare la nostra immagine, di tutti, presso il datore di lavoro. Gli americani percepiscono le organizzazioni sindacali come qualcosa di borderline fra il lecito e il mafioso...e fuori dai luoghi comuni, a giudicare dai soggetti che ci rappresentano non sempre hanno torto. @Saverio: bilancio, naturalmente mi riferisco al bilancio dell'associazione sindacale di cui facevate parte...non deviare sulla quattordicesima! gli iscritti a un sindacato hanno avuto da sempre negato il diritto di sapere dove vanno a finire i soldini della trattenuta sindacale mensile, documenti alla mano. Parola chiave: trasparenza. Gli iscritti dovrebbero sapere, e parlo ancora una volta di documenti nero su bianco, come vengono impiegati i permessi sindacali: chi ha preso quante ore e perche' e quante ore sono rimaste inutilizzate. Parola chiave: ancora trasparenza. Ma nessuno ha mai osato soltanto pensare a cose del genere...il comunicato ai lavoratori e' sempre e solo stato improntato sull'allarmismo finalizzato alla recluta di nuovi iscritti o sulla spudorata campagna elettorale (vedi Fiorenza, vedi Beretta, vedi Capuana, etc.). @ Rosa Pennisi: sei una persona per cui nutro simpatia, ammiro la tua grinta e tanto altro...e se non andassi a toccare la sensibilita' personale andrei ad approfondire l'argomento "assunzione dei nostri figli e loro carriera a sigonella", ma non lo faccio per non aprire l'inevitabile polemica fra chi, come te, parlerebbe di coincidenze e merito del figlio, e chi come me, spesso scavalcato da "figli d'arte", e' stufo e avvilito piu' che mai...oltre che UA-06 a vita.
    Per quanto riguarda il futuro prossimo, continuo a credere nell'importanza di una organizzazione strutturata, l'unica che purtroppo trova la possibilita' di ascolto presso il datore di lavoro. Non so come volete strutturare una raccolta di firme, ma spero che vogliate rivolgervi a un consulente per partire da uno stato giuridico ben preciso (associazione?) che possa reggere il confronto - formale - dell'associazione sindacale. Al direttivo uiltucs dimissionario: se avete un seguito nutrito di sostenitori non posso non farvi i miei auguri e spero che il faro che illumini un nuovo percorso sia quello della assoluta trasparenza. Questo e' il suggerimento che al momento posso darvi. Per il resto, spero vivamente che tutti aprano gli occhi e revochino presto l'adesione alle organizzazioni sindacali attuali cosicche' i vari rappresentanti opportunisti spariscano per sempre e ai vari despoti venga negato definitivamente l'accesso in basi. Penso forse in modo troppo radicale, ma intravedo l'avvento dell'uomo nuovo solo unitamente all'estinzione del vecchio sistema ormai eccessivamente cancerizzato.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda il bilancio, forse prima non sono riuscito a spiegare il mio punto: i soldi delle quote mensili NON arrivavano a noi, non sapevamo proprio nulla di introiti e bilanci. Avevamo chiesto ed ottenuto 15 sedie, un computer portatile, una stampante ed un hard disk esterno per la nostra sede di NAS1. Questo e' tutto il bilancio di cui ti posso parlare (a parte il rimborso di cui ti ho già scritto). A noi i bilanci importavano poco: ci interessava lavorare bene con la categoria e, per qualche anno, ci siamo anche riusciti. Siamo stati ingenui? Forse... pero' e' meglio così che altrimenti.
      Per quanto riguarda i permessi sindacali: non abbiamo mai pensato di mostrare prospetti perché non pensavamo fosse una cosa importante per l'iscritto (ed effettivamente tu sei il primo ad averlo chiesto). Comunque sia, eravamo sempre in base, sempre in giro per i reparti, sempre ad organizzare assemblee e riunioni, sempre a disposizione di tutti... non so chi tu sia ma sono sicuro che ci avrai visto molte volte venire anche nel tuo reparto o nei luoghi comuni come gazebo, mense, food court ecc. Usavamo i permessi solo per fare sindacato o, qualche rara volta, per recuperare ferie o tempo libero. Per esempio, a volte, nel caso di provvedimenti disciplinari gravi, siamo stati dall'avvocato anche fino a mezzanotte!
      Per quanto riguarda i nostri comunicati: evidentemente tu non ne hai mai ricevuto... noi siamo sempre stati contrari agli allarmismi, a chi millantava licenziamenti a destra e a sinistra nella speranza (illusoria) di ottenere deleghe. Noi siamo stati sempre contrari ai sindacalisti "nun su i tempi" style. Non abbiamo MAI fatto campagne elettorali per nessuno anche se, ovviamente, quando un politico si spendeva in lettere al Governo (come Capuana) o faceva interventi in Parlamento (come Berretta), ci sentivamo in dovere di menzionarlo nei nostri comunicati. Tra l'altro, aggiungo che Berretta e Capuana NON fanno parte dello stesso schieramento politico.

      Concludo con una parola per Rosa Pennisi, una persona con cui mi sento orgoglioso di aver collaborato: sei fuori strada... quando il figlio di Rosa e' entrato a Sigonella (sia come temporaneo che come effettivo), Rosa NON faceva ancora parte di alcun direttivo sindacale, non sono neppure sicuro che fosse già iscritta alla UILTuCS. Benche' "semidei" (come hai simpaticamente definito i sindacalisti), dubito che i membri di un direttivo siano in grado di modificare il passato per cambiare il futuro (alla "Terminator"). Hai sbagliato: ripeto che nessun membro della nostra dirigenza sindacale, ha mai ottenuto favori o promozioni, come da te affermato ripetutamente.

      Posso capire la tua rabbia... ma fai attenzione a non trasformarla in qualunquismo.

      Elimina
    2. @Cavaliere della Luce
      Purtroppo posso risponderti solo ora (Sono tornata a casa in questo momento). Avrei preferito risponderti io per prima! Per tua informazione, ti comunico che quando mio figlio Alessandro è stato assunto a Sigonella, temporaneo prima ed effettivo dopo, IO NON FACEVO PARTE DI NESSUN DIRETTIVO SINDACALE. Ero soltanto una semplice iscritta CISL.

      Elimina
    3. ,
      Mi sa tanto che questo cavaliere della luce sia un po "alluciato". Chi sa perchè non usano il loro vero nome?

      Ciao a tutti

      Paolo

      Elimina
  29. il fatto che scriviate cosi' in italiano mi preoccupa...non poco...siete um po' come la vecchia classe politica.....per parafrasare Albanese...un po' sul "qualunquemente"...divertitevi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Blog dell'accademia della Crusca è altrove: qui scrivono lavoratori che vogliono far ascoltare la loro voce. La forma ci interessa poco.

      Elimina
    2. LIBU LIBERI ecco perche' ci piaci

      E' la voce di tutti
      di tutti coloro che in italiano ,in siciliano ,in napoletano etc...hanno voglia di dire
      siamo esseri umani non numeri

      Elimina
  30. La faccenda della "tassa" sindacale (che dovrebbero pagare tutti, iscritti e non) inclusa nella proposta di rinnovo conrtattuale e' disgustosa. Ho chiesto a uno dei rappresentanti cisl e' ha smentito. Avete una bozza di questa proposta da pubblicare? se cio' e' vero va combattuto a spada tratta!
    vi ringrazio in anticipo!

    RispondiElimina
  31. CHE AMAREZZA!!!!!21 giugno 2012 15:48

    @Cavaliere della Luce



    Caro TUTTOLOGO, credo che stavolta hai preso un Abbaglio con la tua stessa "luce".
    Il tuo POLITICHESE mi lascia a bocca aperta, cito una tua frase appena scritta - "....e se non andassi a toccare la sensibilita' personale andrei ad approfondire l'argomento "assunzione dei nostri figli e loro carriera a sigonella", ma non lo faccio per non aprire l'inevitabile polemica fra chi, come te, parlerebbe di coincidenze e merito del figlio, e chi come me, spesso scavalcato da "figli d'arte", e' stufo e avvilito piu' che mai...oltre che UA-06 a vita." - caro "TUTTOLOGO" la polemica l'hai appena fatta.....
    Dato che sai "tanto", ti invito a portare luce sui lati "oscuri" che riguardano la mia assunzione e la mia carriera in base. Visto che sei (SPERO) consapevole di ciò che scrivi "illuminaci di immenso" sputa fuori il ROSPO, così poi avremo modo di poter verificare se ciò che affermi corrisponde al vero... non tirare la pietra per poi nascondere la mano. Tu rispondendo in quella maniera a Rosa Pennisi sei andato nello specifico!
    Scommetto che tu in base, prima della tua assuzione, non conoscevi nessuno......ti ricordo che molto spesso i giochi sporchi in genere si fanno anche per gli "amici d'arte"....ma tu certamente sei un caso diverso.......tu sei l'uomo nuovo (che ridere.....).
    Inoltre sai una cosa? Sono fiero di essere "figlio d'arte", sono fiero di essere figlio di una donna che non è mai scesa a compromessi, sono fiero di essere figlio di una donna che ha creduto e che crede ancora nella possibilità di poter svolgere un'attività sindacale con la S maiuscola, sono fiero di essere figlio di una donna che molto spesso per tener fede ai propri ideali ne ha pagato poi le conseguenze al lavoro.
    La cosa triste del tuo "Colpo Basso" invece è che sicuramente ti conosco ma non hai mai avuto "LA DIGNITA'" di dirmi quello che pensavi di me "figlio d'arte" in faccia!!!! anzi molto probabilmente sarai uno di quelli che fa le feste con i sorrisini del caso......CHE PENA!!!!
    Io mi sono fatto vivo firmando questo breve commento con il mio nome e cognome, spero tanto che ne sarai capace anche tu.

    CHE AMAREZZA!!!!!!!!!

    PS. spero che in un futuro prossimo, sarai in grado di poter scrivere qualcosa che porti dei frutti per tutti, alla fine, le capacità (oltre a quelle extrasensoriali) ce le hai.....sfrutta la tua Laurea e le tue conoscenze per la comunità di Sigonella!!!!


    Saluti,
    Mastroeni Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandro noi non ci conosciamo di persona ma conosco tua madre come sindacalista, e se è vero che un figlio e carne della stessa carne della madre non ho dubbi sulle tue capacità.
      Quindi non far peso alle insinuazioni per evitare di trasformare questo punto di ritrovo e sfogo di noi lavoratori delusi da questo tipo di sindacato, in un pulpito da cui chiunque possa sputare infamia su chiunque.
      Usiamo questo spazio per aiutare noi stessi a risolvere le cose che chi dovrebbe risolverle non ci riesce o non vuole. Non cadiamo nei tranelli dei mandanti che vogliono distogliere l'attenzione di tutti dai veri problemi della base anzi delle basi italiane .
      Con questo colgo l'occasione di ricordarvi i problemi ben più gravi dei figli d'arte che stanno subendo a camp derby .
      Parliamo di proposte di cose su cui ragionare non su pettegolezzi e allusioni meramente personali.
      Invito tutti a partecipare per creare un vero gruppo indipendente.
      Per come la vedo io fra lettere mandate all'hro fra infiltrati mandati a disturbare le nostre discussioni ........mi sa tanto che un po fastidio cominciano a darlo ai sindacati .....voi cosa me pensate?
      Sigonella alza la testa sempre!

      Elimina
    2. Alessandro,
      Tua madre per essere coerente e onesta si è dimessa assieme alla maggioranza del direttivo e non ha ceduto a nessun compromesso e lo stesso hanno fatto i colleghi dissidenti. Il nostro amico "illuminato" cavaliere della luce forse è rimasto li con la speranza che diano qualche sediolina da occupare.
      Ciao, Paolo

      Elimina
    3. Ciao a tutti, sin da quando ho cominciato a lavorare per gli americani sono stato iscritto prima a un sindacato ( che con l'inganno ha fatto in modo che mi iscrivessi), e poi con l'altro .Tre anni fa' avevo deciso di non farne più parte, pero' notando all' orizzonte questo nuovo ormai "ex" direttivo, decisi di dargli fiducia...... E non me ne sono pentito , infatti hanno ancora tutta la mia fiducia. A riguardo di quanto detto qui sopra volevo spendere due parole, perché conoscendo Rosa e Alessandro non credo proprio ci siano da muovere accuse, e anche se e ripeto "se" ci fosse stato un aiuto non penso sia da biasimare più di tanto, chi sarebbe quel genitore che non vorrebbe vedere il proprio figlio " sistemato"? Certo poi c'è magari chi esagera ...ma questo e' un altro discorso. Vorrei aggiungere che secondo me, in questa sede, dovremmo concentrarci

      Elimina
    4. Sul da farsi per far si che restiamo uniti in modo tale da formare un fronte compatto, lasciando perdere i vari attacchi da persone che si nascondono dietro l'anonimia, capaci di essere talmente sottili e acuti da riuscire a mostrarsi per quello che non sono, per questo dico che dobbiamo essere forti nella nostra coesione per saper riconoscere anche le tentazioni che questi individui sono capaci di elargire..... Ricordiamolo tutti: L'UNIONE FA' LA FORZA!!!!!
      Andiamo avanti per la nostra strada!
      Alfredo Cassotta

      Elimina
  32. Buongiorno a tutti i rivoltosi ignoranti che non fanno i compiti e non capiscono un kaiser di sindacato. MA NON E' CHE PER CASO QUESTI DUE PERSONAGGI Paese normale e Cavaliere della Luce (michia chi fantasia) non siano, uno della segreteria provinciale e l'altro un'aspirante direttore generale della minnulata uiltucs dentro la Base?

    Un saluto a tutti voi brutti e cattivi che non calate li corna dinanzi al padrone.

    Mario da Motta

    RispondiElimina