Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

lunedì 9 luglio 2012

La Lunga Strada

Abbiamo già fatto molta strada… ma altra ancora ne dobbiamo percorrere! 

Avevamo ingenuamente creduto che si potesse ben rappresentare la categoria col solo supporto degli iscritti, che la dirigenza territoriale non potesse che appoggiare la volontà dei lavoratori. Ci sbagliavamo!  Nel momento in cui è apparso chiaro che le uniche sigle sindacali ammesse a trattare col datore di lavoro non "riuscivano" a rappresentare l'intera categoria, abbiamo iniziato a porci alcune domande: perché, in una "azienda" localizzata nel territorio Italiano con dipendenti Italiani assunti con contratto Italiano, non è possibile scegliere in piena libertà la propria rappresentanza sindacale, così come stabilito dai diritti costituzionali sul lavoro? Perché nel nostro contratto viene scritto espressamente che il datore di lavoro è tenuto a trattare solo con due specifiche sigle sindacali? Perché nelle Basi USA gli impiegati assunti in modo diretto non hanno gli stessi diritti sindacali dei colleghi assunti invece dalle aziende appaltatrici (contattori)?
Ovviamente, la risposta "ufficiale" la conosciamo tutti: per ragioni storico-politiche, il datore di lavoro ha posto un veto sulla terza sigla confederale e su ogni possibile ingresso di altri sindacati autonomi. Ma è davvero così? Qualcuno si è mai posto il problema di andare a chiedere ai vertici politici dei Comandi USA, se questi siano o meno disposti a garantire la libera rappresentanza dei lavoratori Italiani? E perché ai contrattori tutto questo è invece permesso? Siamo nel terzo millennio, la guerra fredda è finita da un pezzo e fronde di quel partito che una volta si chiamava PCI si trovano ormai nelle grazie di TUTTE le sigle sindacali (basti ricordare chi si è candidato ultimamente per il PD) : siamo davvero sicuri che esistano ancora (se mai siano esistiti) dei veti?
Forse è giunta l'ora che qualcuno provi a vedere, a capire, a chiedere, a dialogare con i vertici politici di un datore di lavoro che noi pensiamo non abbia alcuna ragione di temere ingressi che potrebbero solo arricchire quello scenario avvizzito rappresentato da sigle sindacali ormai senza alcun seguito significativo! Benché qualcuno possa anche credere che i Comandi preferiscano trattare con rappresentanze sindacali deboli, noi pensiamo invece che la più importante democrazia del mondo si ponga il problema di una rappresentanza numericamente e qualitativamente valida per i propri lavoratori Italiani in Italia: un serio interlocutore col quale poter risolvere i problemi della categoria mantenendo alto il morale e, dunque, la produttività! Ci rifiutiamo di credere che le Forze Armate USA preferiscano acconsentire al famigerato "contributo assistenza contratto": una formuletta "magica" per riuscire prelevare la quota sindacale da iscritti e non, rompendo così l'ormai residuo legame tra rappresentante ed iscritto, in quanto le due sigle sindacali autorizzate manterrebbero ogni beneficio economico anche nel caso non avessero più alcun seguito! Noi crediamo ad un datore di lavoro che si pone la domanda di quale ricaduta potrebbe avere tale scelta sullo stato d'animo di un lavoratore; un lavoratore che non avrebbe più alcun modo di intervenire sul proprio contratto, sulle proprie controversie, sulle proprie istanze di lavoro. Noi pensiamo che serva una rappresentanza democratica (RSU) liberamente scelta tra le sigle confederali ed oltre, senza prelievi forzosi a chi non si sente in alcun modo rappresentato. La rappresentanza sindacale è una cosa importante; un qualcosa in grado di determinare sia la consistenza che la qualità della nostra vita lavorativa. Che ci importi o meno, le scelte sindacali ricadono in ogni caso su ogni lavoratore, così come i governi su ogni cittadino. 
Per tutte queste ragioni, noi della LIBU ci siamo mossi per vedere, indipendentemente da questo blog, se vi siano o meno i margini per riportare le Basi nella piena legalità rappresentativa, fiduciosi che il datore di lavoro non possa che acconsentire tale rappresentanza!

La strada è lunga, ma abbiamo già iniziato a camminare… ed abbiamo idea che la nostra meta sia trovi proprio oltre l'orizzonte (presto vi metteremo al corrente dei nuovi sviluppi).
Camminiamo insieme?               

30 commenti:

  1. La strada è lunga, ma abbiamo già iniziato a camminare... Ma camminiamo insieme!!!

    Marina F.

    RispondiElimina
  2. Non c'è dubbio che ci saremo, abbiamo iniziato? Ora bisogna raggiungere la meta e non ci fermeremo!!!

    RispondiElimina
  3. Colleghi, ormai nessuno crede più in quel vecchiume fatto di piccoli privilegi e una specie di casta sgangherata che fa i soliti discorsi che vogliono ribadire per poi re ribadire e così via.
    Ora la gente vuole fatti concreti per la categoria e non per l'apparato.
    Occorre continuare la strada intrapresa. AVANTI!!!

    Filippo

    RispondiElimina
  4. Ciao ragazzi, mi chiedo chi sono i nuovi rappresentanti sindacali? Nel mio rearto non c'è nessuno che si fa vedere, neanche una riunione ne tanto meno si sono presentati. Ma sunu fantasmi?

    Ciao a tutti.

    Salvatore

    RispondiElimina
  5. Buona sera, avete avuto conoscenza della nuova lista dei rappresentanti? Da noi non si visto nessuno, forse si vergognano?
    Non è che me ne frega più di tanto ma almeno un po di rispetto per i lavoratori. Il mio è un piccolo dipartimento e eravamo circa 12 iscritti tutti cancellati, si è visto un tipo strano un po anfetaminico della CISL che cercava di fare firmare deleghe, ma la gente ha risposto che non si cade dal fango alla cacca e così è andato via con la coda tra le gambe. Che gente ragazzi, fanno solo "tenerezza".
    Ora aspettiamo come organizzarci con nuove energie e determinazione.

    Ciao a tutti cari colleghi "ribelli". ah!ah!ah!

    RispondiElimina
  6. Contributo Assistenza Contratto? Ma è vero?? Non ci credo, vogliono davvero fare pagare anche chi non vuole saperne più niente di loro? Non ci credo, non ci posso credere!! Dobbiamo fermarli!! Io mi rivolgerò al mio Chain of Command, arrivo fino all'ammiraglio e oltre, se necessario. Arrivo fino a Obama!
    Io non posso credere che sia vero e, in ogni modo, non voglio che il BUMED aderisca a questa porcata!!! Scrivete tutti ai vostri capi, dite tutti: NON VOGLIO!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. State facendo un lavoro straordinario, ragazzi! Forse pochi si stanno rendendo conto di quello che sta succedendo a Sigonella. Rischiamo, grazie a voi, di essere l'avanguardia dei lavoratori delle basi USA in Italia. Vi assicuro che quelli che seguono con vero interesse le problematiche dei giorni nostri, non possono che essere fieri di appartenere ai lavoratori di Sigonella che finalmente hanno detto BASTA!!! Comunque andrà a finire, grazie, per il vostro coraggio e la vostra determinazione.
    Gli uomini passano, le idee non muoiono mai. Le vostre idee sono sicuramente quelle della maggior parte dei lavoratori delle basi, solo che voi avete il coraggio di esprimerle, gli altri fanno finta di non aver sentito, altri di non aver capito, altri ancora di non essere d'accordo.

    RispondiElimina
  8. Ciao a tutti!!!

    Quali novità ci date?

    Noi siamo pronti a seguire la LIBU!!!

    Mario

    RispondiElimina
  9. Cari Colleghi delle basi USA in Italia,

    Ho avuto il vostro sito da una mia amiche che lavora a Sigonella, io sono una ex Alisud e comunque vivo anche io le vicende sindacali con una certa angoscia visto come la CISL e la UIL sta cedendo al padrone negli ultimi 20 anni. Non so molto di voi della LIBU ma mi auguro e vi auguro di dare un impulso alla rinascita del sindacato, quanto meno nel vostro settore.

    Vi auguro ogni bene e avanti così, bisogna che qualcuno alzi la testa e continui il lavoro iniziato dai nostri padri per i diritti e la dignità dei lavoratori.

    Marcella R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcella,
      sono Lina, grazie per il contributo che hai lasciato. Certamente gli amici della LIBU stanno facendo il meglio che possono per dare respiro e dignità ai lavoratori delle basi USA in Italia, noi siamo fiduciosi. -))

      A presto.

      Elimina
    2. Sono convinto che se continuiamo a lavorare cosi' come stiamo facendo, risusciremo ad ottenere qualcosa di nuovo per dare "respiro e dignita'" (proprio come dici tu) ai lavoratori delle Basi USA in Italia! Insieme ce la faremo!!!
      Francesco M.

      Elimina
  10. Salve a tutti, io sono una collega dell'ospedale. Si, il grande problema e' il vecchiume! Non conosco la situazione degli altri reparti, ma nel mio, la rappresentanza sindacale e' da una parte assente e dall'altra deleteria. Rappresentante UIL, dopo le dimissioni, non si sa piu' chi e'...di elezioni manco non se ne parla, e si vede che sono contenti cosi'...forse hanno paura del confronto e aspettano che si calmano le aque. I rappresentanti della CISL sono degli incompetenti arroganti che creano solo problemi piu' che risolverli...non ho mai sentito parlare di loro elezioni, forse le avranno fatte in qualche ristorante fra pochi intimi?
    come liberarci da questo vecchiume??? suggerite, suggerite, suggerite! io non voglio piu' essere rappresentata da questa gente che pensa solo a salvaguardare la loro IMMUNITA' PARLAMENTARE e se ne infischiano di tutto il resto. Per favore diteci come fare per liberarci da questo vecchiume!
    grazie,
    M.C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei rispondere a M.C.
      Condivido con te tutte le tue preoccupazioni e dubbi. Non ho mai fatto sindacato e non credo di essere una che saprebbe farlo, ma ti posso dire che da che c'era Saro Pellegrino e la sua "squadra" le cose andavano molto meglio che come erano andate negli ultimi 30 anni. Lo si poteva trovare e chiedere consigli e aiuto, ricevendo da lui sempre disponibilità e attenzione, e non come quelli prima di lui che erano tutta boria e strilli e poca sostanza. Bene, sono riusciti a farlo dimettere con tutto il direttivo, questo la dice lunga, per dimettersi oltre 2o persone vuol dire che qualcosa nella Uil-Tucs non funziona. L'idea della libu mi pare buona e cerchiamo di sostenerla perché mi pare che sia l'unica via percorribile.

      Un caro saluto a tutti i colleghi dissidenti ma coraggiosi.

      Vincenza F.

      Elimina
  11. Si, camminiamo insieme! Andiamo avanti senza fermarci!
    E' un momento storico di grande importanza per dare una svolta chiara e netta al nostro diritto democratico di scelta sindacale. La politica senz'altro non ci aiuta, ma la LIBU sta creando una strada che disturba tutti coloro che "spocchiosamente" hanno gestito il sindacato solo ed esclusivamente a modo loro e per i propri interessi. Dobbiamo essere come l'acqua che batte sulla pietra fino a bucarla, siamo noi a scegliere e decidere chi ci deve rappresentare.
    Si, camminiamo insieme!
    Francesco Marino

    RispondiElimina
  12. La lettera esprime alcuni dubbi che mi acconpagnano da tempo. Una di questi e': perche' i contrattori possono essere difesi da tutte e tre le unita' confederali mentre noi non possiamo usufruire di questa oppurtunita'? Questo duo polio da che cosa nasce? Mi viene difficile pensare che il datore di lavoro possa fare delle eccezzioni cosi'evidenti, e allora c'e' quacuno in grado di spiegarmi perche' questi diritti costituzionali vengono disattesi? sono stanco di non sapere!! voglio sapere!!! Avanti tutta!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con Emilio, mi sembra una sorta di imposizione o ricatto...

      Elimina
  13. Questa classe PARA SINDACALE o per meglio dire PARACU.., deve sparire ne abbiamo piene le scatole!!!!!! Questo silenzio da parte loro mi preoccupa un pò.
    Dato il loro basso Quoziente Intellettivo sono convito che prima o dopo usciranno allo "scoperto" con qualche sparata contro la LIBU e/o contro Saro.
    Spero di sbagliarmi, comunque, questi incapaci devono sapere che noi ci siamo e siamo uniti!!!!!

    P.S. non voglio immaginare cosa accadrà in base se obbligheranno tutti quanti noi LAVORATORI iscritti e non iscritti a pagare il PIZZO SINDACALE.
    DICIAMO TUTTI NO!!!

    APRIAMO UNA CAMPAGNA "NO AL PIZZO PARA-SINDACALE" che ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma già c'è chi va in giro (cisl e uil) a dire che siamo inconsistenti, specialmente gli accoliti del "bos" vanno spargendo un po di fango... ma vi garantisco che i colleghi nei reparti li mandano a cagare, ormai non hanno più credibilità neanche con le minacce pur sempre velate e travestite da "consigli"...

      Elimina
  14. La CAMPAGNA "NO AL PIZZO PARA-SINDACALE" e` una grande idea! Forse dovremmo iniziare una raccolta di firme o qualcosa del genere.

    RispondiElimina
  15. Colleghi, la proposta di 'pizzo sindacale' sta facendo surriscaldare gli animi!. I colleghi di Napoli mi chiedono SE e QUANDO partira' la raccolta firma contro questo ennesimo scippo!!
    A LIBU l'onere della risposta.
    Lina Crucitti

    RispondiElimina
  16. Amici,
    il "pizzo" (come lo chiamate voi) tecnicamente si chiama "Quota di Assistenza Contrattuale" o Q.A.C. e si trova descritto, nero su bianco, alla pagina 41 (l'ultima pagina) della piattaforma di rinnovo contrattuale. Chiedete pure al Vostro RSA di riferimento di consultare il documento... siamo sicuri che ne sarà felice. :-)
    Per le petizioni ci stiamo attrezzando al meglio, abbiate pazienza, arriveranno molto presto e, siamo SICURI, bloccheranno questa proposta di cui lascio a Voi ogni possibile aggettivizzazione. Per un'idea completa di tutte le nostre iniziative, Vi invitiamo a leggere il nostro articolo (post) "LIBU LIBU LIBU". Comunque sia, oltre quelle già descritte nel suddetto, ci saranno per tutti ulteriori "sorprese".

    A scanso di equivoci, sia chiara una cosa: noi della LIBU crediamo profondissimamente nella rappresentanza e nel valore del Sindacato, proprio per questo ci scagliamo contro ogni azione che non tiene conto del volere e degli interessi della categoria, azioni che "dimenticano" a chi davvero il sindacato dovrebbe sempre e comunque rendere conto: al lavoratore.

    RispondiElimina
  17. ISCRIVERSI AD UNA SIGLA SINDACALE
    D E V E ESSER
    UNA SCELTA
    E NON UN IMPOSIZIONE
    viviamo in un paese libero (credo) a questo punto comincio a chiedermi se pian piano stiamo entrando in una dittatura,dove le cose piu' assurde e impensabili ci vengono imposte senza se e senza ma.
    Mary Cosentino

    RispondiElimina
  18. Prima risposta sul PIZZO SINDACALE:
    alcuni colleghi napoletani sono andati a chiedere chiarimenti al loro rappresentante locale. L'agghiacciante risposta e' stata che
    questa quota e' un accordo bilaterale (tra le 2 sigle?) perche' il sindacato difende e fa gli interessi (?) anche dei non iscritti!!!!
    Ragazzi, erro o tutti stanno giocando a f...i il compagno con la nostra tasca?
    Lina Crucitti

    RispondiElimina
  19. i rappresentanti sindacali naturalmente negano sulla trattenuta sindacale obbligatoria...ma basta cercare su google "Contributo di Assistenza Contrattuale Provinciale Catania"...ed eccoli la', spuntano anche i nomi, casa-gatto e fiorenza-volpe!
    ...io le mani in tasca me le faccio mettere solo da mia moglie, quindi ben venga la petizione e che sia a furor di popolo!
    fateci sapere presto dove firmare per cortesia! se poi vogliono un contributo liquido glielo daremo in stile Antonio DeCurtis...in un'occhio!

    RispondiElimina
  20. Come suggerito sono andato a cercare su google "Contributo di Assistenza Contrattuale Provinciale Catania" siglato nella sede della Confcommercio Imprese per l'Italia di Catania ed ho trovato pure le loro FIRME eccovi il link http://www.confcommercio.ct.it/download/accordo-sindacale-provincia-ct.pdf ciò significa che già c'è stato un precedente, e noi saremo le prossime vittime!!!!!!
    Non c'è nome più appropriato che "PIZZO PARASINDACALE".
    Aderire ad una sigla Sindacale deve essere una libera scelta e non un obbligo!!!!
    Difendiamoci tutti!!!

    RispondiElimina
  21. Ragazzi, a me pare incredibile che i Coordinatori delle Basi non abbiano sentito il dovere di informare almeno i rappresentanti sindacali dell'epoca che, a giudicare dai commenti, sono all'oscuro di tale rivendicazione contrattuale (QAC).
    La piattaforma risulta formalmente approvata dai vari direttivi delle Basi e successivamente dal coordinamento nazionale.
    Evidentemente i Coordinatori hanno volutamente ignorato (secondo me d'accordo con le Segreterie) anche le basilari regole democratiche.
    Ma i coordinatori di Sigonella nel 2009 CHI ERANO? A me qualche nome in mente viene....

    RispondiElimina
  22. Ciao a tutti,
    vorrei sapere da qualcuno (Libu?) come mi dovrei comportare in caso di contrasti con il mio manager e con il mio dipartimento riguardo alla corretta interpretazione della mia pd. In passato in circostanze simili avevo dei riferimenti chiari riconosciuti anche dal datore di lavoro. Adesso che credo molto in questo movimento, vorrei saper in casi concreti come quello che vi ho descritto come potete aiutarmi.
    Aiutatemiiiiiiii
    Ciao M.L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mandaci i dettagli si libuliberi@gmail.com . Parliamone. Ciao.

      Elimina
  23. Ciao a tutti,
    La LIBU sta facendo un ottimo lavoro di informazione e divulgazione. La gente ci crede perché partecipa e chiede di questa nuova creatura sindacale e sono sicuri di avere un futuro rappresentante che li sosterrà e li guiderà per tutte quelle cose che un vero sindacato fa. Ora bisogna dare un corpo giuridico e rappresentativo a questa creatura, siamo tutti fiduciosi che questo avverrà entro quest'anno.

    VIVA LA LIBU VIVA IL SINDACATO LIBERO!!!

    RispondiElimina
  24. Deve assolutamente avvenire entro quest'anno, altrimenti non avrebbe senso.
    M.L.

    RispondiElimina