Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

lunedì 3 settembre 2012

I numeri dei tagli a Livorno

Un nostro affezionato lettore da Livorno "Molo Novo", ci invia un link che rimanda ad un articolo de "Il Tirreno": http://iltirreno.gelocal.it/pisa/cronaca/2012/08/18/news/esuberi-a-camp-darby-il-prefetto-tenta-la-mediazione-1.5558930.
Nell'articolo si parla del prefetto che riceve i vertici di Camp Darby, su invito del Segretario provinciale(?) FISASCAT CISL, per discutere dei tagli. L'articolo elenca pure dei numeri, che Molo Novo (di cui trovate questo suo ultimo commento sotto "LIBU «rewind»") riassume validamente come segue:
160 le posizioni tagliate. Usciranno (leggi licenziamento) i 34 dipendenti che hanno rifiutato una posizione nella base di Vicenza e le 9 persone che non hanno ricevuto alcuna offerta. Totale 43. Se la matematica non è un’opinione, a fronte di 160 tagli, si salveranno 117 persone che hanno accettato posizioni a Livorno o Vicenza.
Molti si sono salvati ma, nonostante ciò, 43 nostri colleghi sono a rischio licenziamento e, se consideriamo che siamo già a Settembre, il rischio è più che grave.

La LIBU si unisce a Molo Novo nel chiedersi come mai la categoria deve essere informata da articoli di giornale invece che dai sindacati? Perché in tanti mesi non si è riusciti ad organizzare neanche un'iniziativa a livello nazionale, quando per i tagli a Napoli e Sigonella, 2 anni fa, si andò tutti insieme sia a Napoli che a Roma? Bene la FISASCAT, che è riuscita a coinvolgere il prefetto di Pisa (azione fallita 2 anni fa a Catania), qual'è invece la strategia della UIL-TuCS? Perché questo silenzio "tombale"?  Perché siamo sempre lasciati all'oscuro da due sigle sindacali che si ricordano di darci un po' di conto solo quando è il momento di chiederci le deleghe?

Ricordiamoci che le nostre deleghe sono il loro pane... e se quest'anno, entro dicembre, lo "ricordassimo" anche a loro?

11 commenti:

  1. Pazzesco! Questi non mi possono rappresentare piu! Io mi cancello!

    RispondiElimina
  2. Cari amici,
    E' arrivato il tempo in cui tutti noi lavoratori delle basi USA in Italia, dobbiamo iniziare a rimboccarci le maniche passando dai commenti, dai pareri, dalle opinioni ai FATTI.
    Ad oggi qual è l'unico strumento che abbiamo tra le mani?
    Secondo me i più immediati sono due.

    1. CANCELLARSI DA QUESTI SINDACATI CHE NON RAPPRESENTANO PIU' NESSUNO QUINDI TOGLIAMO LORO I SOLDINI.....

    2. PARTECIPARE IN MASSA ALLE PETIZIONI CHE A BREVE (SPERO) VERRANNO INTRAPRESE IN TUTTE LE BASI D'ITALIA.

    Ragazzi è arrivato il tempo di scendere in campo e giocare questa (difficile) partita....!!!

    S.Vito

    RispondiElimina
  3. @LIBU
    ho una domanda da porre in questo blog, in merito ai licenziamenti di Livorno.
    Ricordo che i tagli della Navy di 2 anni fa riguardarono sia Napoli che Sigonella. Furono coinvolti, infatti, sia i lavoratori di Sigonella che quelli di Napoli appartenenti alle posizioni in esubero. Sapete dirmi se l'Army ha adottato lo stesso criterio per i licenziati di Livorno? Sono un lavoratore delle BASI, iscritto alla UIL-TuCS ancora per poco. Conto di cancellarmi a Dicembre. Anch'io mi sento profondamente deluso del silenzio tombale da parte dei Sindacati Ufficiali.

    L.C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima domanda: se in questi tagli non avessero messo nello stesso calderone Livorno e Vicenza, così come invece fatto 2 anni or sono tra Sigonella e Napoli, un'altra domanda sorgerebbe spontanea... chi "sbaglia" la Navy o l'Army? E... cosa si sta facendo per correggere l'errore?

      Elimina
  4. Abbiamo saputo che giovedì 6 e venerdì 7 settembre, a Napoli, avrà luogo l'annuale incontro tra i sindacati e la controparte (JCPC) dove, si spera, si discuterà anche (e soprattutto) dei tagli a Camp Darby.
    Ovviamente, non abbiamo avuto questa notizia dalle fonti preposte ad informare la categoria (forse troppo impegnate nell'acquisto dei biglietti aerei)... comunque sia, aspetteremo ansiosi il comunicato che, a partire da lunedì, dovrebbe arrivare nelle nostre bacheche (sempre che i nostri occupatissimi rappresentanti trovino il tempo di farlo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente da lunedi se ne andranno in giro a mettere paura parlando di riduzioni e licenziamenti cosi, in genere, senza specificare. (non ci credete!!). Diranno che non è il momento di cancellarsi e altre cose che non mi interessano neanche perché a me questi qua non mi fregano più!!!

      Elimina
    2. C'è anche da dire che, come gli ultimi RIF dimostrano, dal punto di vista della protezione del posto di lavoro, essere o non essere iscritti ad una, all'altra o a nessuna sigla sindacale, non cambia ASSOLUTAMENTE NULLA.

      Non e' con la "paura" che si possono tenere le deleghe, non più.

      Elimina
    3. Ma come mai, dopo solo uno dei due giorni di incontro a Napoli, già circola la fotocopia degli "aumenti" (che poi aumenti non sono)? Non c'è alcuna discussione in merito?
      Il nostro timore è che, sempre di più, invece di dialogo si tratti di mero recepimento: il sindacato recepisce le scelte del datore di lavoro. Punto. la JPCP comunica le decisioni dopo l'indagine salariale, fine del discorso.
      Ovviamente, ci auguriamo di essere fuori strada.... vedremo lunedì.

      Elimina
  5. Premetto che fortunatamente non lavoro nel Garrison (l’Unità colpita da RIF) ma in una cosiddetta Tenant Unit. Ciò mi porta a giudicare con un certo distacco (il che non significa mancanza di solidarietà nei confronti dei colleghi licenziati) quello che Fisascat, Uiltucs e management hanno fatto e stanno facendo.

    Il dato più significativo (e vergognoso) è che i sindacati hanno da subito -30 maggio- litigato e iniziato tutta una serie di azioni non unitarie i cui risultati sono dimostrati dai numeri.

    Si dice, io non ero presente, che Guidi (UIL) e Salsedo (CISL) per poco non sono venuti alle mani durante una manifestazione davanti alla base. Ovviamente, alla presenza di: lavoratori, rappresentanti del Comando, giornalisti e alcuni politici locali.
    Da quel momento in poi, quindi, ognuno per sé e vergogna per tutti.

    La Fisascat ha iniziato una campagna mediatico-legale sfociata in articoli quasi a cadenza giornaliera sulla stampa e culminata denunciando il comando per condotta anti sindacale. Sui giornali, i nomi dei vari sindacalisti CISL posti in bella evidenza e tanta retorica per dire “quanto siamo bravi noi”, “quanto asina la UIL” e “quanto cattivo il Comando”.
    Risultati? Zero!

    La Uiltucs ha tenuto un profilo assai più basso. Diplomaticamente e dialogando, però, stando a quel che dicono i colleghi del Garrison, ha ottenuto più di qualche risultato. Non mi stupirebbe che la vecchia volpe di Guidi avesse saputo gestire la situazione in sordina ma con efficacia.

    Credo che una politica sindacale unitaria, un mix di dialogo e lotta avrebbero (probabilmente?) portato risultati migliori.

    Che dire del Comando e dell’Ufficio del Personale? Abbottonatissimi, una vera porta blindata.
    Diversi colleghi, comunque, mi hanno riferito di avere bussato alle porte dell’Ufficio del Personale per chiedere informazioni.
    Le risposte spesso stringate, ma sempre con tatto e cortesia, in una parola savoir-faire, sono puntualmente arrivate.
    Mai gradite, è vero, ma in tutti i casi si sono rivelate mediamente più veritiere e precise delle solite chiacchiere sindacali.

    La palpebra cala e la branda chiama: buona notte a tutti e alla prossima.
    Molo Novo da Livorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che nelle altre Basi della Vostra situazione non ne sa assolutamente nulla, potresti dirci in cosa si siano concretizzati gli sforzi di Guidi nell'ambito di questa faccenda? Cosa potrebbe aver ottenuto per Camp Darby che non fosse stato già deciso dal Comando? Qual era esattamente la strategia UIL-TuCS (in un altro commento menzionavi il fatto che fosse stata votata a maggioranza) disattesa dalla FISASCAT?

      Elimina
  6. Ultima BEFFA.....aumento salariare di soli €2,50!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    SINDACATO DOVE SEI????

    Qualcuno sa il motivo di tale ammontare (UMILIANTE)?
    Su che base viene calcolato?
    Se ci fosse un sindacato vero cosa si potrebbe fare?

    Abbiamo toccato il fondo!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina