Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

martedì 25 dicembre 2012

Buon Natale

Dall'Etna alle Alpi, Buon Natale a tutti i colleghi lavoratori (ed ex) delle Basi USA in Italia!

LIBU LIBERI

giovedì 20 dicembre 2012

Lettera da Aviano

Un saluto a tutti voi della LIBU!
Mi chiamo Federica Mazzanti e sono una dipendente della Base di Aviano.

Dopo alcuni anni di esperienza sindacale come delegata, ho avuto l'opportunità di diventare, per un breve periodo di tempo, rappresentante sindacale UilTucs nella base in cui lavoro.
La brevità del mio incarico non è dipesa dalla mia volontà: l'attività mi piaceva molto e ho investito molto del mio tempo per cercare di sviluppare dei progetti innovativi e seri per i dipendenti. Purtroppo, dopo una serie di eventi sgradevoli a me successi e che non elencherò qui in quanto non ritengo sia la sede più opportuna, ho deciso di rassegnare le mie dimissioni, cancellando anche la mia iscrizione al sindacato. E' stata una scelta non facile, maturata dopo una lunga e dolorosa valutazione personale. All'epoca  decisi  che non avrei mai più partecipato ad alcuna attività. In altre parole che non avrei più "voluto saperne". 
Ho comunque mantenuto rapporti cordiali ed in alcuni casi anche di amicizia con alcuni colleghi di UilTucs ed anche di Fisascat Cisl di altre basi. Lo stesso posso dire per  Fisascat Cisl a livello locale, a cui riconosco professionalità e competenza. Il resto è storia.

Oggi scrivo quindi dopo aver letto con interesse alcune informazioni che riguardano questa nuova iniziativa. Tuttora ricordo con piacere l'attività sindacale che ho svolto e sono riconoscente a tutti coloro, per certi aspetti anche il mio datore di lavoro, per tutto quello che ho imparato e l'opportunità di crescita professionale che ho avuto conoscendo il "backstage" del mondo sindacale delle basi USA, così diverso  se paragonato ad altre realtà lavorative.

Mi permetto solo di fare una precisazione e soltanto perchè posso dire "io c'ero". 

Vanno bene le nuove iniziative soprattutto se mirate a migliorare le condizioni di lavoro di tutti. Va  ancora meglio la presenza di stampa e mezzi di comunicazione che in tutte le altre realtà nel mondo del lavoro sono la quotidianità: avendo lavorato anche nel privato e all'esterno delle basi ricordo la presenza di articoli di stampa e foto sui quotidiani a seguito di assemblee e/o incontri di vario genere, mentre noi ci rivediamo in televisioni locali o sulla stampa, e quasi esclusivamente locale, solo in caso di cause, vertenze, scioperi e così via. Quanta ignoranza c'e al di fuori del nostro posto di lavoro sulla nostra situazione, in quanti credono che siamo pagati in dollari, che non andremo in pensione con il sistema previdenziale italiano e "wow, ma tu fai la spesa in base?"...... So che molti si riconosceranno nel leggermi....
Tutto bene, ma, se mi posso permettere, so che il nostro ambiente è fortemente condizionante, ma la forza di ogni persona è data dal  suo esprimersi, dal suo esistere. Ho notato nel blog i commenti di molti che però hanno preferito la forma anonima,  pur tuttavia nominando  apertamente altre persone e sottolinenando i loro fatti e misfatti. Certo dando un nome ed un volto al nostro dire ci esponiamo, ma solo così facendo le  parole che pronunciamo sono credibili e che ci legge può identificarsi con i nostri obiettivi. 

Tutti coloro che nella storia di una nazione hanno contribuito al rinnovamento, spesso  a spese della propria vita, oggi sono ricordati da noi posteri con nome, cognome e vissuto. Quando si rimane nel rispetto delle regole e degli altri ritengo non sia sbagliato esporre i propri pensieri alla "luce del sole" e non per prendersi alcun merito, solo per non essere come gli "altri", solo per dare un significato alla parola democrazia.

Buon lavoro a tutti voi ed un saluto particolare agli "ex" colleghi

Federica Mazzanti

lunedì 17 dicembre 2012

Auguri dalla LIBU

Voglio ringraziare, a nome della LIBU, tutti i colleghi intervenuti lo scorso Venerdì dopo le 16.00 all'incontro organizzato dalla nostra associazione per un affettuoso scambio di auguri. L'affetto e la vicinanza che ci dimostrate ci ripaga di tanta fatica e impegno che ci sono voluti in questi ultimi mesi per tutti noi fondatori di questa associazione .
I Lavoratori Italiani delle Basi USA in Italia hanno finalmente la loro associazione, una realtà con un’ enorme potenzialità di crescita e sviluppo,  e il suo processo è ormai irreversibile. Niente e nessuno può piú bloccare ormai questa voglia di libertà e di civiltà. Tutti noi sappiamo che non è la soluzione di tutto, ma sicuramente é uno strumento altamente democratico dove incontrarci, crescere e confrontarci in piena libertà.
Il prossimo anno sará ancora piu impegnativo, e l’associazione avrà bisogno del contributo di tutti per ristabilire nelle basi una rappresentanza dei lavoratori degna di questo nome. Colleghi, il futuro ha bisogno di tutti noi, non lasciamolo gestire dagli altri, mettiamoci in prima linea perché é tempo di cambiare ciò che gli uomini possono cambiare, il resto va lasciato alla storia e alla coscienza di ognuno di noi.

Buon Natale e Buon Anno a tutti Voi dalla LIBU, 
ai colleghi che ci hanno seguito,
a quelli che si sono nascosti facendo finta di non crederci,
alle strutture che ci hanno attaccato e infangato,
a quelli che ci vogliono bene e vedono in noi la speranza

Buon Natale e Buon Anno al popolo Americano che in questi giorni vive un lutto straziante. A loro il nostro doveroso silenzio e il nostro abbraccio, il loro dolore e’ anche il nostro, i loro figli erano anche i nostri.

Che l’anno nuovo ci dia un mondo migliore, un mondo dove i bambini e gli innoccenti non devono aver paura, un mondo dove il nostro impegno e il nostro contributo sono indispensabili. Che l’anno nuovo ci dia questa consapevolezza e questa forza.

Tanti Auguri a tutti NOI.

Rosario Pellegrino

venerdì 7 dicembre 2012

Comunicato Stampa: Il documento

Cari amici e colleghi,
cliccate qui per leggere il comunicato a firma CGIL Catania, oggetto della conferenza stampa di oggi. Diverse testate giornalistiche, non solo "La Sicilia" ma anche "La Repubblica" e diverse TV locali (TeleJonica, D2, TirrenoSat...) hanno oggi assistito, intervistato e ripreso i dirigenti CGIL ed il portavoce LIBU (Rosario Pellegrino), in quello che possiamo già considerare una giornata storica per l'intera nostra categoria.
Cosa che ci ha fatto piacere, una quindicina di lavoratori di Sigonella hanno chiesto le ferie, solo per venire ad assistere a questo evento: qualcuno di loro era un membro attivo della LIBU, altri erano invece lavoratori che, con la loro presenza, volevano testimoniare la  partecipazione alle nostre iniziative. A tutti loro dobbiamo dire Grazie.
Continueremo ad aggiornare questo articolo man mano che i giornali e gli altri organi di stampa pubblicheranno l'evento di oggi. In ogni caso, tra domani e dopo domani, metteremo online la ripresa video della conferenza stampa, per consertirVi di vedere, con i Vostri occhi, come si è svolto l'incontro e la comunicazione alla stampa.

08/12: L'articolo su La Repubblica

08/12: L'articolo su La Sicilia

07/12: Servizio TV su DNews
07/12: Servizio TV su TG8
07/12: Servizio TV su TirrenoSat

10/12: L'articolo su CTZen 
07/12: L'articolo su BlogSicilia 
07/12: L'articolo su IeneSicule 
07/12: L'articolo su Zenzero Quotidiano

Nota bene: 
Siamo costretti a precisare che, differentemente da come appare in alcuni articoli tesi un po' troppo a semplificare, la petizione e la conferenza stampa di oggi restano due iniziative separate e che chiedono cose tra loro diverse. 

LIBU: FATTI, NON CHIACCHIERE 

giovedì 6 dicembre 2012

Venerdi 7 dicembre, ore 10:30

Amici,
questo è un piccolo promemoria per ricordare che domani, venerdi 7 dicembre, alle ore 10:30, presso la sala "Russo" della Camera del Lavoro (sede CGIL) in via Crociferi (quasi ad angolo con via S.Giuliano), la CGIL, in collaborazione con noi della LIBU, presenterà alla stampa un documento che denuncia la limitata libertà di scelta sindacale, per le lavoratrici ed i lavoratori delle Basi USA in Italia.
Già ieri La Sicilia ha pubblicato un sunto del documento (cliccate qui per leggerlo), domani su questo blog lo pubblicheremo interamente, insieme (se possibile) alla ripresa video della stessa conferenza. Nel documento, la CGIL chiede ufficialmente al datore di lavoro ed alle organizzazioni sindacali firmatarie del nostro contratto di lavoro (COE o CCNL), di modificare l'articolo 2 comma 1 che limita la contrattazione sindacale alle sole FISASCAT CISL e UILTUCS UIL.
Speriamo di vederVi numerosi ad assistere. A domattina!

martedì 4 dicembre 2012

CONFERENZA STAMPA!!!!!

Cari amici,
abbiamo davvero lavorato tanto su questa iniziativa ma adesso, possiamo finalmente avere il piacere di comunicarVi che essa è sul punto di spiccare il volo!

La CGIL di Catania, in collaborazione con la LIBU, organizza una conferenza stampa per venerdì 7 dicembre, alle ore 10:30, presso la sede della CGIL in via Crociferi a Catania

Durante la conferenza stampa, verrà presentato un documento da inviare alla Segreteria Nazionale CGIL in cui si chiede ai Comandi delle Basi USA ed alle organizzazioni sindacali attualmente ammesse nelle Basi (FISASCAT e UILTUCS) di modificare l'articolo 2, comma 1 del nostro contratto di lavoro (COE), il quale incredibilmente limita la contrattazione sindacale alle sole due sigle sopra menzionate. In altre parole, il documento chiede (era ora!!) la completa libertà di scelta sindacale per tutti i lavoratori delle Basi USA in Italia, così come garantito dalla nostra Costituzione. Ripetiamo: tutti i lavoratori delle Basi USA in Italia, siano essi a Sigonella, Napoli, Livorno, Vicenza o Aviano. Tutti.

Questa è una battaglia che vede la CGIL chiedere il rispetto di un diritto che non vale per la sola CGIL ma per TUTTE le organizzazioni sindacali Italiane, in piena, completa e libera autonomia di scelta e di rappresentatività: deve essere il lavoratore a scegliere da chi farsi rappresentare e non viceversa! 
Questa è una battaglia fatta per tutti ed in nome di tutti, da un gruppo d'avanguardia come la LIBU insieme ad un Sindacato (questo sì con la S maiuscola) che ha avuto il coraggio di denunciare una stortura incomprensibile ed anacronistica, insita nel nostro contratto. Non un'azione contraria al datore di lavoro ma, anzi, una richiesta di apertura per ottenere né più né meno che lo stesso diritto degli altri lavoratori Italiani. Un diritto che, forse, è stato invece  colpevolmente "dimenticato" da coloro che hanno rappresentato la nostra categoria in tutti questi anni. A Voi il giudizio! 
Comunque sia, oltre alla CGIL è giusto anche ricordare come già l'Onorevole Giuseppe Berretta aveva aperto la questione della libertà di scelta sindacale nella nostra categoria, attraverso un'interpellanza dalla quale si attendono ulteriori  sviluppi (Vi terremo informati).

La LIBU chiede a tutti i colleghi di Sigonella che possono, di intervenire alla conferenza stampa: colleghi, che vale un giorno di ferie per presenziare ad un evento che potrebbe cambiare la storia della nostra categoria?  Noi ci saremo, sia a parlare con la stampa che in platea. Venite anche Voi, Vi aspettiamo.
Per quanto riguarda gli altri colleghi, quelli che non potranno intervenire perché impiegati nelle altre Basi in Italia, Vi chiediamo ancora una volta di farci sentire il Vostro sostegno attraverso la firma della nostra petizione, la quale, ora come e più di prima, ha bisogno dell'adesione massiccia della categoria! È da qualche giorno ormai, che le firme sono ferme a 400 (online e cartacee), di queste, 350 vengono da Sigonella. Diamo una scossa a questi numeri! Aviano, Livorno, Napoli, Vicenza... non lasciateci soli!