Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

domenica 9 dicembre 2012

Conferenza Stampa: il video integrale!



Leggi anche il Comunicato Stampa Ufficiale
e gli articoli su La Repubblica e La Sicilia

8 commenti:

  1. Questo documento video vale più di 1000 parole.

    RispondiElimina
  2. GIOVANNI RICCI9 dicembre 2012 15:27

    Parole sagge amico mio! voglio condividere questa poesia con tutti, che parla di RISPETTO.

    Titolo
    Sfottere e Umiliare non si devi fare

    Ehhi tu ! Come ti chiami?
    LIBU, LABO, Pippo o Pappu
    Sfottere, pensi che tu puoi,
    disse lu scecco o vuoi (disse l'asinello al bue)
    LIBU mi chiamo !
    e che cosa vuoi?
    e ora, caro amico
    e ora ?
    come la mettiamo con il nemico!
    Parole hai buttato al vento
    Hai creato un bello fermento
    Zitto dovevi stare
    Non lo dovevi sottovalutare,
    ma ascoltare, ascoltare ,ascoltare!
    E ora ,come a maa fare?
    Non si sfotte e neanche si deve umiliare!

    Tutte le persone sagge dicevano,dicano e diranno - non si sfotte e neanche si deve umiliare.
    Verso LIBERO io usai , LIBULIBERO spero che tu diventerai!

    Giovanni Ricci

    RispondiElimina
  3. Pienamente d'accordo sulla democrazia espressa con la libertà di scelta della rappresentanza sindacale, ma credo anche che sia ugualmente democratico lasciare al singolo lavoratore la scelta di non aderire a nessuna sigla sindacale!
    A tal proposito mi sorge un quesito: durante un'assemblea sindacale presso la base di Sigonella sono venuta a conoscenza di un articolo inserito nella bozza del contratto nazionale dei lavoratori delle basi USA, che sancisce l'obbligo al versamento di una quota mensile ai sindacati anche da parte di coloro che non risultano iscritti! Non mi sembra per niente democratico!!!
    A tale obiezione mi è stato risposto che il lavoratore ha comunque facoltà di non aderire, ma non usufruirà di tutti i diritti che deriveranno dal contratto nazionale, anche in relazione agli aumenti salariali. Pare che questo articolo sia già in vigore in ambito provinciale (Catania). Quindi ci sono dei lavoratori che non hanno aderito e quindi non percepiscono l'aumento? Vi risulta questa chiave di lettura dell'articolo in questione?
    Giro a voi la domanda perchè avete sicuramente gli strumenti per trovare una risposta.
    Firmato da una lavoratrice delusa dall' attività sindacale in base in questo 2012.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero sembra strano che qualcuno abbia potuto dire una così ENORME scemenza... sopratutto davanti ad una platea di lavoratori. Qui ci vorrebbe il Principe De Curtis per trovare la giusta battuta (in suoni o parole), noi ci limiteremo a soprassedere. Nel caso la Q.A.C. (Quota di Assistenza Contrattuale) dovesse essere inclusa nel nuovo contratto di lavoro (COE) ancora in discussione, allora non verrebbe chiesto nessun permesso al lavoratore: la quota verrebbe prelevata direttamente, in modo coatto, dalla busta paga. Inoltre, è ridicolo solo pensare che alcuni lavoratori ricevano un aumento ed altri no... e chi decide? Con quale coefficiente? E se l'aumento lo da il datore di lavoro allora è incluso? E per le ferie? E le indennità? Andiamo, non ha proprio senso.... per quanto basso sia il livello degli attuali rappresentanti sindacali a Sigonella, risulta comunque difficile credere che siano state fatte affermazioni del genere!
      La Q.A.C., nero su bianco, appare nell'ultima pagina della proposta di rinnovo contrattuale, una sorta di "nota" che sembra, a guardare, sia stata aggiunta all'ultimo, da chi possiamo immaginare. A tal proposito, invitiamo a leggere il nostro articolo sulla Quota di Assistenza Contrattuale (il più letto in assoluto in questo blog, vedi menu a destra) e firmare la nostra petizione (vedi la voce del menu sopra gli articoli), proprio per scongiurare che il lavoratore sia obbligato a pagare una quota sindacale, anche quando non iscritto a nessuna sigla.

      Elimina
    2. Un'altra delle barzellette che girano a Sigonella, e lo scrivo solo perché l'ho letto con i miei occhi, è quella che il famigerato Q.A.C. sia addirittura stato proposto da Rosario Pellegrino!!! È ovviamente una bufala... e basterebbe vedere la piattaforma contrattuale per capirlo: la nota è scritta nell'ultimo foglio in un modo e in una forma diversa da tutto il resto del documento. Sembra quasi inserita in seguito o comunque fuori dal contesto in cui la piattaforma era stata preparata. Credo che questo blog dovrebbe pubblicare l'intera piattaforma e lasciare che i lettori possano esprimere un loro giudizio.
      Inoltre, quando i suggerimenti per il rinnovo furono inviati al coordinatore nazionale, il direttivo di Pellegrino si era insediato da pochi mesi. Eravamo un direttivo nuovo, appena eletto (Rosario Pellegrino aveva preteso l'elezione degli RSA) e pieno di gente (come il sottoscritto) con poca, pochissima esperienza sindacale. Anche volendo, questo direttivo (Pellegrino incluso) non sarebbe mai stato in grado di pensare una norma da "vecchi volponi" come quella del Q.A.C.
      Altra barzelletta sarebbe quella che vuole lo stesso Pellegrino "firmatario" di questa proposta... e dove sarebbe questa "firma"? Voi l'avete mai vista? Non credo, in quanto non esiste: si firmano i contratti, non le proposte e, comunque, firmano segretari e coordinatori nazionali, non certo quelli di Base.
      È triste vedere che chi non riesce a portare proposte per la categoria cerca, invece, il consenso buttando fango sugli altri.

      Elimina
  4. Questa barzelletta l’ho sentita anch’io e ho pensato che certa gente non sapesse più cosa inventarsi pur di non affondare nel mare delle loro stesse menzogne. Certo, siamo a Dicembre, tempo non solo d’auguri, ma anche di numeri, totali e bilanci, e i conti non tornano!
    E’ veramente triste sentire certi discorsi, quando invece si disattendono i temi importanti! Ricordo loro che il consenso di una categoria si ottiene solo attraverso la serietà dei proponimenti e non di certo attraverso il discredito della LIBU!

    RispondiElimina
  5. Ecco qui: cliccando su questo link si può leggere l'intera piattaforma di rinnovo contrattuale. La Q.A.C. è una nota (apparentemente posticcia) inserita all'ultimissima pagina della piattaforma, al di fuori del contesto degli articoli e scritta con caratteri diversi dal resto del documento. Come potete vedere, la piattaforma non reca alcuna firma in quanto essa è solo una proposta, tutta da discutere col datore di lavoro.
    Nota bene: Le modifiche agli articoli sono SOLO una proposta e, molte di queste, sono già state rifiutate dal datore di lavoro. Ogni qual volta una modifica viene invece approvata, questa genera un documento a parte, recante la firma dei coordinatori nazionali FISASCAT CISL e UIL-TuCS UIL, congiuntamente a quella del rappresentante della sotto commissione JCPC. Tutto qui, chiaro, nero su bianco, come usiamo fare noi della LIBU.
    Non era certo il caso di sprecare un intero articolo per lavarsi dal fango che continuano a gettarci... però una precisazione era comunque doverosa. Spero possiate apprezzare e giudicare.

    RispondiElimina