Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

martedì 26 marzo 2013

Incontro in Prefettura

Oggi, a proseguimento dell'azione iniziata con la conferenza stampa di qualche mese fa ed in occasione della chiusura petizione, la CGIL e la LIBU sono state ricevute congiuntamente alla Prefettura di Catania, dove si è discusso dei seguenti 3 punti:
1. Le Basi USA soffrono problemi di una rappresentanza sindacale limitata ed inadeguata, dove i lavoratori possono iscriversi a due sole sigle sindacali, poiché l'accesso è precluso ad ogni altra organizzazione. Nell'ambito di questo punto, si è portato a conoscenza delle istituzioni la "strana" natura della nostra categoria, che non gode dei vantaggi del privato e neppure della sicurezza del pubblico. Una categoria figlia di nessuno, che lavora per la sicurezza nazionale e per un datore di lavoro, Governo alleato, considerato a volte ente privato ed altre Paese straniero.
2. Proprio dai vuoti di rappresentanza, nasce la nuova associazione LIBU, che raccoglie istanze ed iniziative che le due sigle sindacali di cui sopra, non sono in grado o non intendono gestire. Nell'ambito delle azioni LIBU, alle Istituzioni è stata presentata la petizione e tutte le sue 400 firme. Una petizione che, ricordiamo, chiede l'istituzione della RSU, la possibilità di revoca immediata della propria quota di affiliazione e la cancellazione della richiesta di far pagare una quota sindacale anche ai non iscritti. La Prefettura è stata informata che la petizione è già stata spedita (a mezzo Raccomandata) a sindacati, datore di lavoro e ministero del lavoro. Ci ha fatto piacere sapere che la Prefettura fosse già a conoscenza della nostra petizione, grazie all'articolo apparso su La Sicilia, la scorsa domenica.
3. Uno dei problemi sui quali la LIBU pone la propria attenzione, è quello della difficoltà che sembra oggi avere l'applicazione della legge 98, la quale consentirebbe agli esuberi di essere assorbiti negli organi dello Stato. È stato chiesto alle Istituzioni di sollecitare l'applicazione di questo nostro piccolo diritto, che tende (in parte) a coprire gli svantaggi di una categoria che, come sopra descritto, si trova spesso tra incudine e martello. Si è a questo punto sollevato il problema che stanno vivendo i 41 nostri colleghi licenziati a Livorno, i quali attendono una ricollocazione che, noi ci auguriamo, possa al più presto avvenire. Contiamo sul fatto che la Prefettura possa portare queste problematiche all'attenzione dei Ministeri preposti, sia per la sollecita sistemazione dei colleghi di Camp Darby, che a prevenzione di altre possibili future riduzioni. La Prefettura ha infatti prestato molta attenzione e interesse, sia a questo che a tutti gli altri punti trattati nell'ambito dell'incontro.

Ancora una volta, noi LIBU ringraziamo la CGIL di Catania, senza la quale questo incontro non avrebbe potuto avere luogo. La CGIL, ripetiamo, è l'unico Sindacato che ha avuto il coraggio e la capacità di ascoltare le nostre richieste. Essa merita tutto il nostro rispetto.

Concludiamo con una nota di colore: uscendo dalla Prefettura abbiamo incontrato un ex collega di Sigonella, licenziato con gli esuberi del 2010, il quale è stato felicemente riassegnato presso un vicino ufficio Statale. È tranquillo, contento ed economicamente soddisfatto: a fronte dei 1500 euro che prendeva a Sigonella, adesso ne percepisce oltre 1600, lavorando solo 36 ore settimanali. Questo esempio dovrebbe spegnere le inutili paure di  chi, ancora oggi, teme di vedere la nostra categoria sotto l'ombrello Statale.

E ora si potrà lavorare alla nostra prossima mossa... sarà una bella sorpresa... vedrete!

5 commenti:

  1. Sono orgoglioso di essere tra quei quattrocento ! ! !

    Livorno ! ! ! Siamo con VOI ! ! ! !

    G.P.

    RispondiElimina
  2. Grande LIBU, sono felice di aver contribuito con la mia firma a questa petizione. Spero che alla prossima petizione, le firme aumentino e che tutti i colleghi capiscano che la LIBU si muove nell'interesse di tutti noi "impiegati nelle Basi Nato"

    RispondiElimina
  3. Anche io sono uno dei 400 firmatari e voglio dire che sono sempre più sicuro che ho fatto bene a darvi la mia fiducia......ora, aspetto con anzia di mettere la mia seconda firma per voi libu però questa volta sulla delega per iscrivermi con voi come sindacato forza ragazzi sono con voi!!!!
    Sigonella anzi casi USA italiane alzate la testa sempre

    RispondiElimina
  4. Sono uno dei 400 firmatari della petizione. Volevo farVi sapere che sono molto orgogliosa del Vostro operato.
    ABASSO LE MALDICENZE. VIVA LA LIBU!

    RispondiElimina
  5. Complimenti per l'ottimo lavoro che state svolgendo,
    era ora che la Monarchia assoluta delle due segreterie provinciali venisse messa in discussione,in base abbiamo due direttivi fantocci che pendono dalle decisioni dei Provinciali
    come al tempo del feudalesimo.e non hanno la possibilità di fare nulla senza il placet di chi le comanda.
    In bocca al lupo ragazzi state cambiando la storia

    RispondiElimina