Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

sabato 26 ottobre 2013

400 piccoli eroi

Finalmente possiamo scriverlo!
Dopo aver letto la nuova stesura del contratto appena firmato (per leggerne una copia, cliccate qui), confermiamo che non c'è ombra del Q.A.C., la quota di assistenza contrattuale che avrebbero voluto fare versare ai sindacati, da chi non è iscritto.
Come mai? Eppure, sia UILTuCS che FISASCAT avevano più volte difeso questo provvedimento! Per esempio, ricordiamo la risposta della UILTuCS al blog dell'Onorevole Berretta e quella scritta al Prefetto di Catania; ricordiamo anche la lettera inviata dalla FISASCAT a tutti iscritti di Sigonella: tutte a sottolineare come il Q.A.C. fosse un provvedimento più che gusto e legittimo. Inoltre, molti lavoratori potranno confermare come alcuni RSA andavano in giro difendendo il Q.A.C., poiché (dicevano) il sindacato affrontava delle spese che riguardavano tutti e che, dunque, anche i non iscritti avrebbero dovuto contribuire. Adesso, visto e considerato che il Q.A.C. non avrebbe in alcun modo influito sugli interessi del datore di lavoro, ci chiediamo di nuovo: come mai non c'è traccia di questo "meraviglioso esempio di giustizia sindacale" nella stesura del nuovo contratto, che sarà in vigore dal primo di novembre?
Noi una risposta l'abbiamo! Noi crediamo che tutta la categoria sia oggi debitrice verso quei 400 lavoratori che hanno deciso di firmare la nostra petizione, dove uno dei punti, lo ricordiamo, intendeva proprio scongiurare il pericolo di un'eventuale introduzione del Q.A.C. nel nostro contratto di lavoro. 400 firme (circa il 10 per cento della forza lavoro) non sono state sufficienti per la modifica dell'articolo 8, già inserito nel contratto, né per l'istituzione della RSU, faccenda alquanto complessa e che presuppone la cooperazione sindacale. 400 firme però, sono invece riuscite a togliere quella forza politica che avrebbero dovuto avere i 2 sindacati ammessi alle trattative, per spingere questo iniquo provvedimento col datore di lavoro. Ribadiamo iniquo perché, quello che gli RSA non dicono ai lavoratori, è che loro non sono stati eletti (si intende dall'intera forza lavoro) ma hanno il posto garantito dalle segreterie le quali, a loro volta, hanno le deleghe garantite dalla limitazione della libertà di scelta sindacale nelle basi Usa. Quando un giorno chi ci rappresenta verrà eletto a suffraggio universale da tutti i lavoratori (la RSU, perché prima o poi otterremo anche questo) e quando le Basi saranno aperte a tutti Sindacati, allora, forse, si potrebbe pensare ad un provvedimento che coinvolga tutta la categoria (sempre che questa si pronunci a favore) come, per esempio, nella contrattazione di secondo livello del contratto commercio nella provincia di Catania.
Per adesso però, godiamoci questa bella vittoria e ringraziamo quei 400 lavoratori, 400 piccoli eroi che, con coraggio e determinazione, a dispetto delle fantomatiche ritorsioni paventate dai soliti noti, hanno impedito di inserire il Q.A.C., questa sorta di "estorsione", nel nuovo contratto di lavoro. Dovremmo ricordarlo tutti: ogni mese, guardando la nostra busta paga. Se l'unico modo per ottenere la quota sindacate passa ancora attraverso le deleghe, questo è grazie alla petizione della LIBU ed ai 400 lavoratori che l'hanno firmata.
GRAZIE!!

4 commenti:

  1. Ho l'orgoglio di essere stato uno di questi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se questa volta sono stati soltanto 400 lavoratori a firmare per scongiurare il Q.A.C., sono sicura che la prossima volta, ci saranno piu` adesioni perche` finalmente tutti noi vediamo i risultati.
      Grazie Libu....Grazie a tutti noi che abbiamo firmato!

      Elimina
  2. Dovevamo essere in molti di piu', ma pazienza.
    Il malcostume mette presto radici, la civilta' impiega molto piu' tempo.
    L'albero della civilta' e' ancora molto piccolo nelle basi in Italia.
    Ma crescera', crescera', e sara' anche merito vostro, della LIBU.
    Nessuno potra' mai togliervi questo merito, e in futuro coloro che vi hanno denigrato e tradito, saranno ricordati come incivili e disonesti.
    Viva la LIBU.

    RispondiElimina
  3. Mi è arrivata voce che gli Americani stanno considerando posizioni disponibili presso gli altri comandi su tutto il territorio Italiano per ricollocare persone che attualmente occupano diverse posizioni di Aviano da abolire a breve. Qualcuno di Aviano è a conoscenza di dettagli più precisi? Non chiedo ai sindacati perchè lo ritengo quanto meno inutile!

    RispondiElimina