Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

lunedì 12 gennaio 2015

Cosa succede a Livorno?

Sono arrivate oggi delle voci che riguardano la base di Livorno: chiusure, licenziamenti??????
Cosa sta succedendo? Qualcuno che sa, potrebbe immediatamente informare tutti noi tramite il BLOG  sull'accaduto, dato che nelle BASI, come sappiamo, non esiste (volutamente) informazione, e ci resta solo il BLOG della LIBU per avere qualche notizia certa!
Per rispondere a qualche Anonimo in rima, vorrei ribadire per l'ennesima volta, che la LIBU c'è e non cesserà mai di esserci. Abbiamo intrapreso una battaglia che ci sta costando tempo, sacrifici e tante frustrazioni perchè abbattere un muro consolidato da anni di silenzi, di sudditanze, di assenza di strategie e diritti costituzionali, non è facile in breve tempo e senza dipendere da lungaggini da noi certo non volute.
Ma sarebbe più costruttivo se tutti ci dessero una mano, invece di perdere tempo in inutili rime di dubbio gusto, a informarci su notizie che arrivano da altre basi o dal nostro datore di lavoro, ciò ci darebbe più strumenti per divulgare notizie per commentare o preparare possibili azioni, nell'interesse, sempre, di tutta la categoria.
Colleghi di Livorno ci siete????  Fatevi sentire!!!

22 commenti:

  1. I colleghi di livorno evidentemente si fidano solo dei loro sindacalisti, spero continuino a farlo quando i tagli diventeranno concreti...in bocca al lupo

    RispondiElimina
  2. Ma perche' VOI avete fatto per caso qualcosa?, mi sembra che vi parliate sopra state dicendo tante cose a modo vostro non sopportate da riscontri oggettivi delle persone. Perche' non dici Mai chi ha fatto qualcosa, a me risulta che la Fisascat (io ti parlo di Camp Darby)e' presente e di molto, e se ci credi un minimo in quello che racconti, prova a contraddirmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi crediamo che la nostra categoria abbia bisogno di una rappresentanza più seria e autorevole... e stiamo lavorando senza sosta perché questo si realizzi. Speriamo prima che altri colleghi perdano il proprio posto di lavoro!

      Elimina
  3. Forse i colleghi di livorno non vogliono dispiacere i loro sindacalisti in un momento cos delicato, contenti loro!

    RispondiElimina
  4. Questo è l'articolo pubblicato su Darby Military Community tradotto della riunione fatta dal Col. Menist al Post Theatre di Camp Darby:
    US Army Garrison Vicenza Comandante Col. Robert L. Menist Jr. affronta membri della Comunità Darby Militare 8 gennaio per il futuro di Camp Darby. Menist condotto la sessione di annunciare che una porzione di Camp Darby sarebbe tornato al Ministero della Difesa italiano.
    Alle 03:00 ora locale, proprio nello stesso momento in cui il Dipartimento della Difesa statunitense ha annunciato pubblicamente la sua intenzione di attuare diverse chiusure di base o riduzioni in Europa, US Army Garrison Vicenza Comandante Col. Robert L. Menist Jr. ha parlato ai membri del Campo Darby Comunità in un post teatro affollato per il futuro dell'impianto.

    "Sono qui per annunciare che Camp Darby sta per rimanere", ha detto Menist. "Ma", c'è sempre un ma ", si verificheranno alcune modifiche."

    Secondo Menist la parte di installazione denominata Deposito dell'Esercito Leghorn rimarrà così com'è, così come il munizioni Storage Area e l'Area Formazione locale. Mentre su Camp Darby, lo spazio non utilizzato che è circa la metà della zona Darby sarà restituito al Ministero della Difesa italiano in attesa di una decisione sul suo utilizzo.

    "Faremo immediatamente avviare l'analisi su quali servizi resteranno, essere spostati, ridotti o in appalto, ma la scuola, il commissario e PX resteremo", ha detto Menist.

    Menist assicurato che l'obiettivo è di ridurre al minimo l'impatto della riduzione investendo in ciò che sta per rimanere.

    "Questo è un processo di lavoro e io vi informerà in modo incrementale, ma la buona notizia è che ci fermeremo", ha concluso Menist.

    RispondiElimina
  5. Sono una dipendente della base di Aviano. Sul sito www.stripes.com trovate articolo ufficiale di quello che succederà nel prossimo futuro in tutto il continente europeo. Il titolo è "RAF Mildenhall to close amid other Europe consolidations", cioè la chiusura di molte basi in Europa, una manovra che permetterà al governo americano di risparmiare 500 milioni di $ all' anno. Fra quelle nazioni c'è anche l' Italia, da qui la comunicazione ufficiale di esuberi nelle basi di Livorno, Vicenza e io ci aggiungo Aviano dove sono stati dichiarati gli esuberi lo scorso settembre. Io sono iscritta al sindacato, forse sono un esubero e in questo momento di grossi ridimensionamenti, TUTTI (iscritti e non) dobbiamo essere a conoscenza dei fatti. La frase sopra scritta: "sarebbe più costruttivo se tutti ci dessero una mano...." è meglio modificarla con: " sarebbe più costruttivo se tutti ci diamo una mano". Sono indignata dai comportamenti e dalle frasi che tutti i giorni sento da colleghi tesserati e non. Ma i peggiori sono quelle tesserati! Quelle persone che si sono iscritte ora al sindacato, nel momento del bisogno, ma che fino al giorno prima hanno sputato addosso al sindacato. Quelle persone, potenziali esuberi, che usano il sindacato come capro espiatorio, perchè se perderanno il posto di lavoro sarà colpa del sindacato. LIBU o non LIBU, UIL o non UIL, CISL o non CISL, la questione morale è il centro del problema italiano. Ah, aggiungo anche che per noi della base di Aviano la legge 98 non è stata approvata dalla Camera, forse ora che sarà toccata la base di Livorno e chissà forse Pisa, Renzi spingerà un pò di più per la legge 98?!

    RispondiElimina
  6. Solo Forza Libu stanno cedendo.

    RispondiElimina
  7. Cosa succede a Livorno?

    Chiedete ai sindacalisti. Le segreterie nazionali di Fisascat e Uiltucs (Fargnoli e Raso) hanno ricevuto la lettera con tutti i dettagli dal JCPC il giorno 8 gennaio e l’hanno mandata il giorno stesso ai rappresentanti sindacali di Camp Darby.

    Nella lettera e’ scritto chiaro che a Livorno saranno tagliate 19 posizioni militari, 79 civili USA e 37 civili italiani entro il 2016 e il trasferimento di 11 militari, 8 civili USA e 10 civili italiani da Camp Darby a Vicenza.

    Ecco cosa succede !

    Piero

    RispondiElimina
  8. Cari amici della Libu, e' con grande rammarico che ho costatato che pubblicate solamente quello che vi pare, speriamo che sia stata una svista, in quanto non erano state usate offese o altro, erano stati rispettati tutti i vostri standar.Non credo nemmeno che sia stato un mio errore in quanto il giorno dopo -Solo Forza Libu stanno cedendo- lo avete messo.
    Cosa rispondete. E' vero mi firmo come Anonimo ma sono sincero.

    RispondiElimina
  9. Collega, non abbiamo censurato nulla. Forse non abbiamo ricevuto il tuo commento, potresti rimandarlo?

    RispondiElimina
  10. Cari amici della Libu, ora trovo difficolta' nel ricordarmi cosa avevo scritto nel messaggio precedente, ma i fondamentali erano che mi sembra che Voi parliate tanto ma non raccontate tutto quello che in alcune istallazzioni e' stato fatto e viene fatto. Ora cosi almeno capirete da dove arriva questa mia nota. Io lavoro a Camp Darby, mi offende quando sento dire che cosa abbiamo fatto per i Licenziati, ma state scherzando.... al limite chiedilo alla altra Sigla, cosa hanno fatto che poi e' la solita da dove provenivi anche te, non mescolare la Fisascat di Camp Darby con le vostre storie guardatevi dentro prima di mescolare nelle vostre vecchie storie UIL l'altra sigla.
    Voi siete venuti fuori per problemi vostri con la Uil e avete creato un mostro, che sinceramente non so quali frutti riuscira' a dare.
    E poi voi fino ad ora cosa avete fatto per i Licenziati, per il contratto, e per tanto altro ancora, perche' non dite che il Piano Sanitario funziona alla grande e la gente e' contenta, che piccole cose si stanno muovendo, e poi scusa fammi passare-CAZZO- ma cosa altro si poteva fare ci rendiamo conto in che periodo eravamo e ancora non ne siamo fuori, era il caso di far nascere questa Libu?
    Credimi la dico grossa meglio la Uil cosi come' che Voi (almeno per ora).
    Non sono grammaticalmente bravo come Voi spero che mi perdoniate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “Grammaticalmente bravi” poeti, scrittori o giornalisti non scrivono su questo blog.
      Chi legge non misura certo la forma, bensì il contenuto, la sostanza. Interessa più il cosa non il come.
      Ciò detto, il tuo contributo mi suona come un risentimento (di lesa maestà?) da parte di un iscritto CISL molto convinto ma frustrato dallo zero dei risultati e dal vuoto totale delle idee del sindacato a cui appartiene. E allora scrive che la UIL è peggiore di loro e che non era il caso di far nascere la LIBU.

      Il bue dice cornuto all’asino. O, per dirla meno crudamente, rimproveri l’altro sindacato di avere difetti che in realtà il tuo dimostra di possedere al grado più alto.

      Meglio sarebbe che tu studiassi un po’ di storia; questo sì.
      Quando il tuo sindacato fu fondato, fu scritto chiaramente che la nuova organizzazione si sarebbe impegnata a difendere i diritti fondamentali dei lavoratori. Tra essi c’erano, e ci sono ancora oggi, il diritto alla costituzione di libere e democratiche organizzazioni sindacali e il diritto al libero esercizio dell’azione sindacale. E la LIBU non doveva nascere? Sento puzza di contraddizione. Come voler dire che contemporaneamente si cammina ma si sta fermi.

      La LIBU è un mostro?
      Se avere idee nuove, tentare strade nuove, dire che il re è nudo significa essere mostri, sì la LIBU è un mostro.
      Un mostro neanche perfetto perché commette errori (non so quali siano ma sono convinto che qualche fedelissimo a UIL e CISL li abbia evidenziati). Personalmente credo che la LIBU commetta errori come tutti ma, a differenza di altri, li commetta in buona fede. Scusate se è poco.

      A chiudere per non annoiare oltre: lavoro a Camp Darby e so di che cosa sto parlando.

      Elimina
    2. Caro anonimo del 16 gennaio, non avevamo replicato al tuo commento perché convinti che il tuo collega (anonimo del 17 gennaio) ti avesse ampiamente risposto. Lo facciamo adesso perché, ci sembra di capire, si chiedono ulteriori chiarimenti.
      Allora, se davvero pensi che si possa lavorare per anni ed anni, impiegare tempo e denaro, ingoiare offese, calunnie e tentativi di "linciaggio", organizzare petizioni su tutto il territorio nazionale, costruire un'associazione ormai presente in tutte le Basi, trovare un dialogo con il maggior Sindacato Italiano, promuovere ben 3 interrogazioni parlamentari ecc. ecc. (e il bello deve ancora venire) solo per screzi e personalismi verso una sigla sindacale... beh, allora qualcosa non va (in te).
      La LIBU non si propone di toglierti il diritto di farti rappresentare da chi vuoi tu, non ti vuole obbligare ad associarti con noi ma, al contrario, vuole garantire ad ogni lavoratore la possibilità di farsi rappresentare da chi più lo aggrada. Se tu credi che la UIL o la CISL ti possano rappresentare meglio di chiunque altro, fai BENISSIMO a farti rappresentare da loro ma, non troveresti altrettanto giusto che, chi invece non si sente ben rappresentato dalle due sigle menzionate sopra, dovrebbe avere il diritto di aderire alla CGIL, alla UGL, alla USB o a qualunque altra sigla ritenuta all'altezza? Chi sei tu per decidere per altri? Noi vogliamo libertà, sia la tua che quella di coloro che non la pensano come te. Vuoi sputarci addosso per questo? Fai pure, noi siamo impermeabili. :-)

      Elimina
  11. Carissimo amico, te lo dico in modo semplice semplice, senza usare grossi paroloni, ma tu conosci il direttore del vostro ufficio personale? Ma tu lo sai che questo signore era un importante responsabile sindacale che per opera dello “Spirito Santo” e’ diventato all’epoca direttore del vostro ufficio personale? Chiedigli magari a quale sigla sindacale apparteneva e poi facci sapere se pensi ancora che quella sigla puo’ essere credibile!

    RispondiElimina
  12. Il 9 Gennaio Emilio Fargnoli e Rosetta Raso hanno ricevuto una comunicazione dal Jcpc. In gran segreto (bonta’ sua) uno della UIL mi ha mandato sulla mia email a casa quello che vedete sotto che dovrebbe essere un parte della comunicazione. Se qualcuno sa di cose diverse o di piu' lo dica. Io posto quello che horicevuto.Se qualche sindacalista vuole smentire che smentisca.

    La Revisione inerente la Consolidazione delleInfrastrutture in Europa (EIC) è una revisione effettuata dal Dipartimento della Difesa che si tradurrà nel consolidamento e rientro di infrastrutture militari degli Stati Uniti in Europa con un conseguente risparmio stimato in 500 milioni di dollari. Tali consolidamenti e rettifiche delle Forze Armate sono stati convalidati tramite L'EIC ed approvati dal Segretario della Difesa, e coordinate ampiamente con le nazioni ospitanti ed il Dipartimento di Stato USA.
    Per quanto riguarda l'Esercito statunitense in Europa, il Dipartimento della Difesa restituirà un sito, Camp Darby in Italia, al governo italiano. Le operazioni militari supportate sono diminuite nel corso degli anni con circa 140 avieri dell'aeronautica USA in forza al 731^ Munitions Squadron che operano l'Ammunition Storage Area di Pisa (PASA). Con quest'azione sarà conservata circa metà dell'area di supporto amministrativo a sud dell'ingresso principale, comprese le strade di accesso al PASA. La porzione settentrionale dell'area amministrativa di Camp Darby, non più necessaria alle Forze Armate USA, sarà restituita al governo italiano. Questo intervento richiederà il taglio di 37 civili italiani entro il 2016 e il trasferimento di 10 civili italiani alla Caserma Ederle di Vicenza.Monique Botting

    uno di Camp Darby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa vuoi che ti possono dire i "SINDACALISTI", forse non e' chiaro che loro non contano un beato nulla in queste decisioni! Viene loro comunicato che le cose sono cosi', e basta! Ma siete davvero convinti che, cosi' come sono ignorati dal nostro beneamato governo, i sindacati abbiano ancora voce in capitolo? Ricordatevi che il nostro datore di lavoro e' dotato di personale che svolge analisi accurate delle situazioni socio/politico/economiche dei paesi dove hanno le loro basi e sanno benissimo quando e' il momento di temere oppure ignorare le forze sociali di cui sopra. Oggi, vi assicuro conoscono quanto peso hanno i sindacati in Italia e quanti problemi possono creare: nessuno! Quindi, cosa ci aspettiamo? Milioni di persone a manifestare per la perdita del loro lavoro come gia' succede da anni quasi tutti i giorni ovunque? Cosa vi aspettate che i sindacalisti verrano convocati per sapere da loro cosa ne pensano di questi tagli? Ma stiamo scherzando????? Chi crede altrimenti mi faccia cambiare idea.

      Elimina
  13. Non so nelle vostre basi ma qui a Camp Darby il sindacato e’ sparito. Dopo tanto urlare ai RIF del 2012 sui giornali e le televisioni private sono spariti tutti.
    Hanno fatto un sacco di denuncie ma non hanno ottenuto un bel niente. Cosi’ chi si e’ fidato di loro e ha fatto causa ha perduto anche i 18000 euro dati dai comando a chi firmava l’accordo. E piu’ di 40 persone sono state licenziate. Speriamo che entrino presto sotto lo stato italiano con la legge 98.
    Da quando il colonnello di Vicenza ha detto della ristrutturazione i sindacalisti sono spariti. Nemmeno un volantino. Che vergogna!!!!!! Ma che aspettano? i nuovi licenziamenti per fare causa un’altra volta e non ottenere niente?
    Farebbero bene a andare in pensione e lasciare il posto a qualche giovane che sara’ licenziato. Ma non ci credo rimarranno come hanno gia’ fatto nel 2012 a prenderci in giro e fregandosene degli operai.

    RispondiElimina
  14. Caro Anonimo del 21 gennaio 2015 mi fai tanta pena, o te non sai niente di quello che fa il sindacato, o riporti cose non vere informati prima di dire ........ e' molto meglio ci faresti una figura migliore, ma dato che siamo anonimi va bene, possiamo dire tutte le c.......... che vogliamo. smettero di scrivere anche perche' quelli della LIBU non rispondono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Collega(?),
      per prima cosa vorremmo invitarti ad una maggiore gentilezza: una cosa è prendersela con un'organizzazione (compresa la nostra) un'altra è prendersela con un singolo. Abbiamo pubblicato il tuo commento solo perché l'oggetto delle tue offese è un anonimo come te.
      Detto questo, non comprendiamo cosa dovremmo rispondere, qual è la domanda. In questo momento scriviamo poco perché abbiamo molto in cantiere e preferiamo pronunciarci sui fatti e non sulle promesse.

      Elimina
    2. bla bla bla........ i fatti dove sono. preferiamo tacere, ma cosa?

      Elimina
    3. Evitiamo lo scherno per favore! Questo non è Facebook. I fatti li abbiamo esposti, sono tutti qui. Se non ti convincono, confrontati sugli argomenti, lo "gne gne gne" non ci interessa.

      Elimina
  15. Lavoro a Camp Darby da un bel po’ anche se grazie ai nostri governi non posso ancora andare in pensione. Vecchio dipendente, ma non ancora rincretinito per non sapere e giudicare quello che sta accadendo in base. In tanti anni ho imparato che “le voci”, e “i si dice” qui come in nessun altro posto sono attendibili al 99%. I fatti, poi non hanno necessità di essere provati.

    I fatti in base. Nessun volantino. Nessuna presa di posizione. Nessuna assemblea. Niente di niente. I sindacalisti CISL e UIL scomparsi, si vedono solo a mensa e neanche tutti. Mangiano e scompaiono. Non faccio nomi, chi lavora in base capisce a chi mi riferisco.

    I fatti che leggo su questo blog. I post che parlavano in termini negativi della LIBU e dei suoi fondatori per comportamenti e altro (forse) accaduto molto tempo fa a Sigonella si stanno esaurendo.
    Sempre più mi accorgo (da come e cosa scrivono) che chi critica la LIBU è iscritto alla CISL.
    Quello che ora leggo sono critiche poco credibili e pesanti e disconoscimenti di legittimità o esistenza di questa nuova -e direi anche vitale- Associazione (la maiuscola non è un caso).
    Forse in casa CISL hanno capito che il mondo si è accorto, come ho letto in un post precedente, che “il re è nudo” e tentano di far guardare il popolo da un’altra parte. Quando non puoi dire di essere il migliore, non ti rimane che dire che gli altri sono peggiori di te...

    “le voci”. Qualche sindacalista potrebbe andare in pensione e salvare il posto di lavoro di qualche giovane. Si dice già durante gli ultimi RIF. Sarà vero? Chi conosce faccia il conto degli anni lavorati in base e aggiunga qualche altro anno del lavoro precedente.
    Tra coloro che hanno fatto causa per i vecchi licenziamenti, chi ha preso l’indennizzo? Si dice nessuno. Sarebbe stato meglio accettare i 18.000 euro proposti dagli americani ma il sindacato CISL ha convinto questi poveri ex-colleghi a fare causa. Hanno creato un bel polverone ma risultati zero.

    Come diceva Arbore, meditate gente meditate.

    uno di Camp Darby

    RispondiElimina