Nuovo sito, stesso impegno!

Seguici sulla nostra nuova pagina informativa Facebook CGIL: Coord Filcams Basi USA e NATO per il Personale Italiano.
Che aspetti? Siamo sempre noi, ancora più forti e ad un solo click di distanza!

mercoledì 13 maggio 2015

11 Maggio 2015: La FILCAMS è a Vicenza

Cari amici,
di seguito il comunicato FILCAMS CGIL Vicenza sull'assemblea tenutasi Lunedì 11 Maggio:
Sono state consegnate anche a Vicenza, le prime 30 tessere di iscrizione alla Cgil, alla presenza del Segretario Provinciale della Filcams CGIL di Vicenza Alessio Odoni, Cunsolo Antonio della segreteria provinciale di categoria e del Responsabile Nazionale FILCAMS CGIL per le Basi USA Andrea Montagni.
“Un segnale che anche a Vicenza tra i lavoratori del personale civile non Statunitense cresce l’interesse verso la libertà di associazione sindacale all’interno delle Basi” commenta Alessio Odoni della Filcams Cgil di Vicenza. “Un’ altro traguardo importante, a cui si arriva, dopo anni di battaglie e tanto impegno da parte di tutti.”
Nel contratto nazionale che definisce le Normative per il Personale Civile non Statunitense delle Forze Armate U.S.A. in Italia (Lavoratori Basi Usa) è disposto che “i comandi intrattengono rapporti sindacali con Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil”, escludendo quindi la Cgil. Dopo l’iniziativa dei lavoratori della Base Usa di Sigonella, si è arrivati alla costituzione di coordinamento nazionale, al quale hanno partecipato anche lavoratori delle Basi di Vicenza. In attesa che lo sviluppo del dialogo già aperto tra CGIL, Governo Italiano ed Ambasciata USA, consenta l’accreditamento della Filcams col datore di lavoro, le cose da fare e le azioni da intraprendere sono già tante.

PS Aspettatevi importanti novità per i prossimi giorni: vi terremo informati.

16 commenti:

  1. La CGIL non sara' mai riconosciuta come terzo sindacato all'interno dele Basi Americane in Italia. E' gia' stato deciso da tempo (dal 1994). Lo hanno riconfermato pochi giorni orsono e tutto questo nessuno lo pubblicizzera' mai. Semplicemente perche' nessuno di voi ha interesse a smorzare un entusiasmo che purtroppo ora piu' che mai risulta essere vano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro collega(?),
      in che occasione avrebbero emesso questa "sentenza" improbabile? Chi lo avrebbe fatto? A chi? E quando l'avrebbero riconfermata, in che occasione, ancora chi e, soprattutto, tu come lo sai?
      A noi risulta tutt'altro e presto, molto presto, arriveranno in merito notizie molto importanti da parte di chi, in questa faccenda, sta giocando un ruolo chiave... ma ogni cosa a suo tempo.
      Per adesso invece vogliamo sfidarti pubblicamente a confermare le tue chiacchiere rispondendo alle domande di sopra (chi, quando, come) avendo però il coraggio di apporre la propria firma in calce. È facile: basta registrarsi su Google; ti pubblicheremo, stanne certo. Quando si affermano pubblicamente cose di questo genere, bisognerebbe avere la decenza di farlo a volto scoperto, altrimenti si rischia di apparire come un qualunque quaquaraquà, le cui parole hanno la stessa credibilità dei venditori di fumo.

      Elimina
    2. Carissimo anonimo 19 maggio 2015/ 12.50
      presumo che lei sia così bene informato essendo un funzionario sindacale di una sigla che ormai non ha più neanche gli occhi per piangere...........................Ho sentito voci che alla Ederle di Vicenza son rimasti più RSA che iscritti. Si, il vostro grande potere sicuramente non è dato dal consenso dei lavoratori, che non avete, ma a casa mia certi poteri si chiamano Mafia, pur venendo da estremo nord.
      Ossequi ANITA

      Elimina
  2. Quando voi pubblicherete tutti i messaggi postati nel blog, quanti ne avete censurati?....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo post? Neppure uno. Su altri siamo a volte stati costretti per non far diventare questo blog un surrogato di Facebook. Anzi, peggio, visto che qui consentiamo l'anonimato. Proprio l'anonimato è stato pensato per quei lavoratori che volevano esprimersi ma si spaventavano di farsi riconoscere, non certo come passaporto per delatori e ciarlieri!
      Adesso, visto che non mi sembri un lavoratore impaurito, credo sia giunto il momento di dire chi sei e come conosci le informazioni che scrivi... altrimenti cadresti nella seconda categoria (e per rispetto dei lettori dovremmo censurarti).
      E allora?
      Guarda, ti aiuto: io sono Saverio Bruno, lavoro a Sigonella e il mio cellulare è 340-1079503. Adesso tocca a te, dai, ci vuole solo un po' di coraggio...

      Elimina
  3. Carissimo Saverio,
    Ho una sincera stima di te e dell'entusiasmo che metti in questa vicenda. Cio' non ostante credo tu debba anche considerare l'ipotesi che qualcuno ti stia mandando dei messaggi informativi, sia pur anonimi, che ti mettano in guardia rispetto a facili entusiasmi. Non posso davvero dirti "chi, quando, come" ma ti assicuro che a breve, coloro che hanno chiesto all'Ambasciata di agire saranno informati che non accadra' un beato nulla! Nel frattempo, non essere adirato con chi ti ha dato una anticipazione sul prossimo futuro, devi essere sereno perche' NOI siamo nelle mani di chi ha un potere decisionale molto, ma molto piu' grande di quello che tu possa minimamente immaginare. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, questo è imbarazzante: hai appena ammesso l'assoluta inutilità di iscriversi a qualsivoglia sindacato da parte dei lavoratori delle Basi USA. Se quello che affermi fosse vero (ma non lo è), se in virtù di un immenso potere il nostro datore di lavoro volesse davvero ignorare le leggi Italiane, le richieste dei propri dipendenti e le istanze del più grande ed autorevole Sindacato in Italia, allora che senso avrebbe farsi rappresentare da qualsiasi sindacato pagando la retta mensile, quando chi decide è solo e comunque il datore di lavoro? Le tue affermazioni (false) danno credito a chi racconta come si sia in realtà chiuso il nuovo contratto, danno credito a chi pensa che il sindacato giovi ai soli sindacalisti e che questi altro non facciano che viaggiare, telefonare, mangiare e bere (tutto rigorosamente a spese dei lavoratori). Se così fosse (ma così non è), noi della LIBU non avremmo comunque alcun rimpianto, poiché saremmo fuoriusciti dal NULLA sindacale per credere, forse illudendoci, che le cose potessero cambiare. Lasciami inoltre dubitare anche della tua buona fede, perché se credessi davvero in quello che scrivi, allora non ti agiteresti tantio e non ti affanneresti a convincerci postando su questo blog!
      Concludo questo commento con un riferimento personale: non riesco ad essere lusingato dalle tue stime perché io, invece, non ti stimo affatto. Io non stimo chi getta il sasso nascondendo la mano, chi lancia proclami senza neppure avere il coraggio di firmarsi, chi usa questo blog esattamente allo stesso modo di come i vandali imbrattano i muri della città!
      Voi (tu e quelli come te) avete tanti, tantissimi modi per informare i lavoratori, ma non avete il coraggio di metterci la faccia... e allora non trovate di meglio che intrufolarvi anonimamente in questo blog che invece vuole dare voce a chi non ne ha, a chi (differentemente da voi) non potrebbe permettersi di esprimersi diversamente. Dunque, tutto ritorna a quanto ipotizzato in un precedente commento: sei solo un quaquaraquà... e questo non è un posto per te.
      Firmati o questa conversazione finisce qui.

      Elimina
  4. Avete avuto una risposta ufficiale dall'Ambasciata?

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)
      Andrea, devi avere ancora un po' di pazienza...

      Elimina
  5. Al di la' dei "botta e risposta" tra la LIBU e l'anonimo di cui sopra, non mi pare che ci sia stata una vera e propria smentita di fatto, che quanto asserito in merito alla mancata entrata del sindacato CGIL nelle basi era solo una bufala. Si potrebbe sapere qualche accenno in piu' se abbiamo vere novita'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Collega, non è ben chiaro cosa intenda la prima parte del tuo commento ma, per quanto riguarda le novità, purtroppo ci vuole pazienza. Ormai la questione è arrivata ai massimi livelli, molto al di sopra della LIBU, di questo Blog e delle Segreterie locali; bisogna rispettare certi tempi istituzionali. Ci dispiace di non poter dire di più in questa fase, speriamo di ricevere quanto prima il comunicato ufficiale che stiamo aspettando.

      Elimina
  6. Certificato di onesta' ma a roba manca!!!

    RispondiElimina
  7. Colleghi,
    alcuni di Voi hanno chiesto se fosse vera la notizia secondo cui il Segretario Generale UILTuCS Sicilia, in carica fino a qualche anno fa, fosse stato "espulso" dalla UIL. Ovviamente non abbiamo pubblicato questi commenti perché non hanno nulla a che fare con noi e con questo post in particolare. Comunque sia, per quel che ne sappiamo noi, il Segretario di cui sopra è stato esautorato da ogni incarico UIL, ma sul termine "espulsione" non possiamo confermare.
    Se qualcuno avesse smentite o conferme, siamo pronti a pubblicare ogni notizia in merito, a patto però che sia firmata.

    RispondiElimina